Fitto (Fdi), questione polacca non è priorità Ue

'Ue si occupi di ripresa economica'

Redazione ANSA STRASBURGO
(ANSA) - STRASBURGO, 20 OTT - "L'Unione Europea deve parlare delle questioni vere che interessano i cittadini e le imprese, non fossilizzarsi su dibattiti paradossali nei confronti di governi democraticamente eletti, come in Polonia, Ungheria e Slovenia, la cui unica colpa è non essere d'accordo con le politiche imposte da Bruxelles". Cosi il copresidente del gruppo Ecr e eurodeputato di Fratelli d'Italia, Raffaele Fitto.

"La ripresa economica deve essere la priorità, che però rischia di essere messa a rischio da alcune problematiche quali ad esempio l'impennata del prezzo delle bollette energetiche che gravano su famiglie ed imprese, e da un'impostazione del Green Deal europeo molto ideologica, e poco realistica e pragmatica, che rischia di aumentare la nostra dipendenza energetica dall'esterno, con costi insostenibili", continua Fitto.

"Al tempo stesso occorrono scelte chiare sull'immigrazione.

Basta rinvii, e soprattutto basta approcci diversi e sbagliati riguardo i tre fronti europei dell'immigrazione: il primo quello centrale con l'Europa che paga miliardi di euro alla Turchia per bloccare i flussi, il secondo quello della strumentalizzazione da parte di Lukashenko dei flussi migratori afgani verso i paesi dell'est europeo, che rischia di esplodere con gravi tensioni ed infine il più problematico, che ci riguarda da vicino, quello del Mediterraneo dove cresce la presenza e la rilevanza politica della Russia e della Turchia ed invece diminuisce quella dell'Europa perché manca totalmente una strategia ed un'azione reale", conclude l'eurodeputato. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: