Web tax: eurodeputati scrivono a membri Congresso Usa

Tra i firmatari Tinagli (S&D). 'Superiamo le minacce di dazi'

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 22 GEN - Collaborare per una tassazione equa, superando le minacce di dazi come risposta all'introduzione di una web tax, o digital tax. È l'appello contenuto in una missiva inviata dalla presidente della commissione Problemi economici e monetari (Econ) del Parlamento Ue, l'eurodeputata S&D Irene Tinagli, insieme ad altri europarlamentari, ai membri del Congresso Usa. "Esiste un ampio consenso, nella società e in politica, sulla necessità di sostenere le classi sociali medie e meno avvantaggiate", ed evitare che "alcuni si sottraggano a un loro dovere civico" come il pagamento delle imposte, si legge in un passaggio della lettera. Molte aziende, prosegue la missiva, "richiedono un sistema di regole fiscali più stabile e meno complicato. In tal senso, i parlamentari europei firmatari di questa lettera vi chiedono di unire le forze. Dobbiamo chiedere alle nostre rispettive amministrazioni di adottare un approccio costruttivo nei negoziati Ocse in corso, contribuendo a stabilire un sistema fiscale ben funzionante. Questo significa - sottolinea la lettera - spingere i governi a tassare le aziende, incluse quelle digitali, che oggi non contribuiscono, o lo fanno in misura estremamente ridotta, sul fronte fiscale. Al contrario, annunci sull'imposizione di tariffe e dazi in risposta a tali misure dovrebbero essere criticati da entrambe le nostre istituzioni. Speriamo - conclude la lettera - che insieme potremo stimolare lo sviluppo di un sistema più giusto ed equo dove tutti, indipendentemente dal reddito, paghino quanto dovuto". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: