Bosnia-Erzegovina al voto, unità e sovranità cruciali per la stabilità regionale

Alle urne un paese al bivio tra evoluzione e secessione

Redazione ANSA

La Bosnia ed Erzegovina (BiH) è il paese con l’architettura istituzionale e costituzionale più complicata d’Europa. Un’eredità degli accordi di pace di Dayton, che hanno posto fine alla guerra nel 1995, lasciando dietro di sé una serie di questioni complesse rimaste irrisolte. Parte integrante di tali accordi è l'attuale costituzione della BiH.

Il paese ha tre popoli costituenti (bosniaco, serbo e croato) e due entità, la Federazione della Bosnia ed Erzegovina (FBiH) e la Republika Srpska (RS). Una terza area più piccola, il distretto di Brčko, gode di uno status speciale. La maggior parte delle competenze sono distribuite tra le entità. La Federazione della Bosnia-Erzegovina è composta da dieci unità federali, i cantoni, ciascuna con il proprio esecutivo e proprie competenze. Le decisioni più importanti sono prese dalle autorità di questo livello governativo. Ci sono anche 143 comuni in BiH: 63 nella RS e 80 nella Federazione.

Domenica 2 ottobre si terranno le elezioni generali, durante le quali 3,3 milioni di cittadini con diritto di voto eleggeranno tre membri della Presidenza della BiH, oltre a rappresentanti dei parlamenti dello Stato, delle entità e dei cantoni. A causa della diversa disposizione delle entità, la RS eleggerà il presidente e i due vicepresidenti dell’entità, mentre i presidenti della Federazione di Bosnia-Erzegovina saranno eletti indirettamente dal parlamento dopo la sua formazione.

Le elezioni in BiH si svolgono sullo sfondo di una situazione politica complessa, segnata dal fallimento dei negoziati sulla riforma elettorale tra i principali attori politici nel paese. La legge con cui si andrà al voto – come riconosciuto dai tribunali europei e nazionali – discrimina le minoranze etniche, nonché – in alcune unità amministrative – i membri dei popoli costituenti. Ulteriori tensioni politiche e interetniche sono causate dal problema della rappresentanza dei croati, il più piccolo dei tre popoli costituenti.

Il ruolo dell'Alto Rappresentante

L'Alto rappresentante della comunità internazionale in BiH, il tedesco Christian Schmidt, ha la possibilità di utilizzare i cosiddetti poteri di Bonn e imporre così alcune soluzioni giuridiche per la formazione post-elettorale del governo. 

Dal 1995 un Alto Rappresentante, su mandato del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, è investito del compito di garantire la pace e la stabilità in BiH, destituendo i rappresentanti eletti ed intervenendo nella legislazione ad esempio. Dall'agosto 2021 l'incarico è ricoperto da Schmidt, che la dirigenza della RS non riconosce. Mosca voleva abolire la carica e Schmidt non è stato quindi approvato dal Consiglio di sicurezza dell'Onu.

Il ‘guardiano dei trattati’ aveva annunciato nei mesi scorsi che avrebbe ricorso ai suoi poteri prima delle elezioni, ma travolto dalle critiche, ha rinunciato a farlo per il momento.

La Croazia spinge per la riforma elettorale

Nella vicina Croazia, le elezioni in BiH sono seguite con grande interesse. Nel suo intervento all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 24 settembre, il primo ministro croato Andrej Plenković ha invitato Schmidt a esercitare i suoi poteri, imponendo una riforma elettorale che assicurerebbe l'uguaglianza dei croati alle elezioni generali del 2 ottobre.

Parlando alla stampa in seguito, Plenković ha detto che non era tardi per intervenire sulla legge elettorale. “La narrativa di chi vuole mantenere lo status quo” è "chiara come il giorno”, ha detto il premier croato, alludendo al leader bosniaco, Bakir Izetbegović. “Ha dichiarato pubblicamente” di aver “finto di negoziare” mentre faceva di tutto perché non ci fossero progressi nei negoziati sulla riforma elettorale, ha spiegato Plenković. “Non è giusto fingere di essere in trattativa per due anni e poi dire 'Ormai è troppo tardi’”, ha aggiunto, esortando ad “aggiustare ciò che può essere riparato”.

Consenso della Bosnia-Erzegovina al processo di adesione all'Ue

A seconda dell'appartenenza etnica dei membri, i partiti in BiH hanno opinioni diverse sulle questioni più strategiche per il futuro del paese. A questa tendenza fa eccezione l'adesione all'Unione Europea: quasi tutti i programmi dei partiti si pongono come obiettivo “il progresso della Bosnia Erzegovina verso l'adesione all'Ue”. Ma anche se tutti si sono dichiarati favorevoli, non molto è stato fatto per soddisfare le 14 priorità formulate nel parere della Commissione Europea, un prerequisito per ottenere lo status di candidato.

Secondo una ricerca condotta dal Dipartimento per l'integrazione europea, in caso di referendum sull'adesione all'Ue il 77,4% dei cittadini voterebbe a favore, mentre il 48% degli intervistati pensa che non ci siano alternative al percorso europeo della BiH. Diversa la situazione in RS, entità a maggioranza serba, dove c'è un sostegno significativamente inferiore all'adesione all’Ue. A differenza dei bosniaci e dei croati, i serbi sono generalmente contrari all’adesione della BiH alla NATO e tutti i partiti politici serbi sostengono la neutralità della BiH nel conflitto ucraino-russo e l'allineamento della politica della BiH su questo tema con la Serbia.

L’idea di Macron di una "Comunità politica europea"

Sebbene la Bosnia-Erzegovina non abbia ancora ottenuto lo status di candidato all'Ue, è stata invitata, insieme ad altri 16 paesi non Ue ad aderire alla Comunità politica europea. Un’idea del presidente francese Emmanuel Macron volta a facilitare uno scambio più stretto tra i paesi dell'Ue e quelli al di fuori, sia per scelta sia perché per ora non soddisfano i criteri di adesione. Il 6 ottobre si riunirà a Praga il nuovo forum politico europeo.

Con questa riunione, Macron spera di migliorare la cooperazione con i partner dell'Ue in Europa, in particolare con l'Ucraina, a cui è stato concesso lo status di candidato ufficiale all'Ue, ma è improbabile che diventi un membro a pieno titolo dell’Ue almeno per il prossimo decennio. I critici hanno definito il forum un premio di consolazione per la mancata adesione all'Ue. La proposta di una Comunità politica europea è sostenuta dal cancelliere tedesco, Olaf Scholz, che tuttavia ha precisato come tale forum "non dovrebbe rappresentare un'alternativa all'allargamento dell'Ue".

Evoluzione o disgregazione: in che direzione andrà la Bosnia-Erzegovina?

Resta da vedere se il sistema bosniaco può evolversi. Per ora, nessuna delle tre comunità concorda su quale sviluppo futuro sia auspicabile. Cosa che ha portato ad una delle crisi politiche più gravi dalla fine della guerra, con minacce di secessione da parte dei leader delle entità serbe.

“Sono i cittadini della Bosnia-Erzegovina ad avere il ruolo più importante nel plasmare il futuro del loro Paese. Incoraggiamo vivamente i cittadini della BiH a partecipare alle imminenti elezioni del 2 ottobre poiché il risultato determinerà anche il loro futuro ed il futuro della Bosnia ed Erzegovina”, ha commentato Peter Stano, portavoce della Commissione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

“Tutti gli attori politici in Bosnia-Erzegovina - ha aggiunto - devono lavorare insieme per garantire elezioni libere, eque e inclusive. Come concordato nell'accordo politico del 12 giugno a Bruxelles, l'Ue si aspetta che tutti gli attori politici cooperino per formare rapidamente i parlamenti ed i governi dello Stato, delle entità e dei cantoni dopo le elezioni, per concentrarsi sulle riforme richieste dall’Ue. Il percorso dell'Ue in Bosnia-Erzegovina è aperto, ma richiede che il Paese e i suoi leader eletti avanzino con le riforme”.

Questo articolo è stato realizzato con i contributi di AFP, ANSA, dpa, FENA, HINA nell'ambito del progetto della European Newsroom. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: