Cyberattacco al sito del Parlamento europeo: 'servizi compromessi'

Metsola: "atto commesso dopo il via libera alla risoluzione dell'Eurocamera

Redazione ANSA

STRASBURGO - "La disponibilità del sito web dell'Eurocamera è attualmente compromessa dall'esterno a causa di un elevato traffico di rete esterno legato a un attacco Ddos (Distributed Denial of Service), i team del Parlamento stanno lavorando per risolvere il problema il più rapidamente possibile". Lo ha scritto in un tweet il portavoce dell'Eurocamera Jaume Dauch dopo che già per due ore il sito ufficiale dell'Eurocamera è risultato inaccessibile. 

Sempre su twitter la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha affermato che "un gruppo filo-Cremlino ha rivendicato la responsabilità" dell'attacco, osservando che l'atto è avvenuto dopo che l'Europarlamento "ha proclamato la Russia come Stato sponsor del terrorismo" in una risoluzione approvata a larga maggioranza. "La mia risposta: #SlavaUcraini (gloria all'Ucraina, ndr)", ha scritto in un tweet. La Commissione europea ha condannato l'attacco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie