Apicoltura: in Veneto bandi per 356mila euro per migliorare alveari

Assessore Pan, settore conta una produzione di circa 1.500 tonnellate di miele

Redazione ANSA

VENEZIA - Sono aperti i termini dei bandi del programma regionale di aiuti per gli apicoltori. La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell'assessore all'agricoltura Giuseppe Pan, ha dato il via al piano per la campagna 2919-2020 che mette a disposizione degli apicoltori, tramite le associazioni apistiche, 365mila euro per contribuire alle iniziative di formazione, aggiornamento e miglioramento produttivo concordate nell'ambito della Consulta regionale per l'apicoltura.

Il piano regionale andrà, quindi, a finanziare: l'assistenza tecnica agli apicoltori e alle organizzazioni di apicoltori; la lotta contro gli aggressori e le malattie dell'alveare, in particolare la varroatosi; le misure di sostegno ai laboratori di analisi dei prodotti dell'apicoltura al fine di aiutare gli apicoltori a commercializzare e valorizzare i loro prodotti; misure di sostegno del ripopolamento del patrimonio apicolo
dell'Unione; le iniziative di collaborazione con gli organismi specializzati nella realizzazione dei programmi di ricerca applicata nei settori dell'apicoltura e dei prodotti dell'apicoltura; il miglioramento della qualità dei prodotti per una loro maggiore valorizzazione sul mercato.

"Sono fondi di provenienza comunitaria e statale - evidenzia Pan - che la Regione mette a disposizione del settore apistico, secondo le linee di del ministero per le politiche agricole. Un aiuto concreto, agli apicoltori presenti nel territorio e ad un settore di nicchia che conta in Veneto circa 75mila alveari e una produzione di circa 1.500 tonnellate di miele". A gestire le domande di contributo e l'erogazione dei fondi è Avepa, l'organismo per i pagamenti in agricoltura. Il bando va a finanziare spese effettuate entro il 31 luglio 2020.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."