Neve si fa aspettare, rimandato a Cortina avvio stagione sci

Ma operatori sono fiduciosi, torneremo a risultati pre-pandemia

Redazione ANSA CORTINA D'AMPEZZO

Tutto era pronto a Cortina d'Ampezzo peri iniziare con il fine settimana la grande stagione invernale dello sci ma qualcosa è andato storto. Troppo pochi i fiocchi bianchi caduti ieri nella località ampezzana per garantire l'apertura degli impianti di risalita. Lo conferma all'ANSA Enrico Ghezze, Ad degli impianti Faloria.
    "Niente da fare - dice allargando le braccia - c'è troppa poca neve per poter sciare".
    Ghezze conferma che chi vorrà godersi una discesa tra le cime ampezzane quest'anno dovrà sborsare qualcosa in più, complicii rincari energetici. "L'aumento del costo degli impianti è del 10% - precisa - ma diventa inferiore se si acquista l'abboname to online".
    Chi ha piena fiducia sul fatto che Cortina dalle prossime settimane recupererà i danni fatti da due anni di Covid è Cortina IN, tour operator di incoming attivo in città e nell'area dolomitica "L'andamento del mercato Italia per la prossima stagione invernale si avvicina a ritmi pre-pandemia - dicono i responsabili - con un rinnovato interesse per il territorio anche da parte di aziende e di gruppi". Qualcosa, dunque, si muove, e la stagione, neve permettendo, sembra aprirsi sotto i migliori auspici. "Le Dolomiti, inoltre, rappresentano una meta molto ricercata da turisti provenienti da Nord e Sud America e dal Medio Oriente - racconta ancora il tour operator sulla base delle richieste fino ad ora prevenute - . Cortina emerge come destinazione in grado di offrire un ventaglio esteso e ricercato di esperienze".
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie