Fotografia: torna Siena awards, mostre e tour

Scatti Brent Stirton protagonisti a Sovicille

Redazione ANSA SIENA

(ANSA) - SIENA, 21 SET - Torna il Siena Awards 2020: il festival della fotografia non si ferma e dal 24 ottobre al 29 novembre propone mostre, eventi espositivi e tour che vedranno protagoniste le opere di fotografi provenienti da 161 Paesi del mondo.
    Tra le mostre 'Imagine all the people sharing all the World', con le foto più belle presentate al concorso Siena International Photo Awards mentre a Sovicille, a pochi chilometri da Siena, protagonista assoluto sarà il fotografo sudafricano Brent Stirton con alcuni dei suoi reportage realizzati in tutto il mondo su tematiche sociali e ambientali. Il Siena Awards 2020 sarà completato dalla mostra itinerante 'Non potevamo immaginare l'inimmaginabile', che unirà reale e virtuale in un percorso fra vie e piazze del centro storico senese.
    La rassegna prenderà il via con la cerimonia di apertura della mostra del 'Siena International Photo Awards', contest di fotografia, che si svolgerà on line sabato 24 ottobre alle ore 10.30. Il cuore dell'edizione 2020 sarà la collettiva ospitata nell'ex distilleria dello Stellino a Siena, con gli scatti più suggestivi del concorso: oltre 100 immagini di fotografi di 40 nazionalità. Sempre allo Stellino 'Burning Dreams', personale della freelance italiana Carolina Rapezzi dedicata al deposito rottami di Agbogbloshie ad Accra, capitale del Ghana. Nel chiostro della basilica di San Domenico ospitate le mostre 'Hong Kong Democracy Protests' di Kiran Ridley, dedicata alla lotta per la libertà dei manifestanti di Hong Kong e 'Saving Orangutans', reportage di Alain Schroeder realizzato a Sumatra, in Indonesia, che documenta le contraddizioni del comportamento umano rispetto all'ambiente. All'Accademia dei Fisiocritici ci sarà 'Above us only Skyì, con le più belle immagini aeree presentate ai 'Drone Awards'. La Fortezza Medicea ospiterà 'I Wonder if You Can' mentre l'Area Verde Camollia 85 ospiterà la mostra del fotografo cileno Pedro Jarque Krebs intitolata 'The Other Refugees' e dedicata al dramma silenzioso che, giorno dopo giorno, colpisce la vita di innumerevoli scimpanzè. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie