Astroturismo, 8 luoghi dove ammirare le stelle cadenti

Viaggio tra planetari, osservatori, cime e boschi incontaminati

di Ida Bini SANTA CRUZ DE LA PALMA

SANTA CRUZ DE LA PALMA - «Guardare le stelle mi fa sempre sognare»; lo scriveva in una lettera nel 1888 il pittore Vincent Van Gogh che l'anno seguente realizzò uno dei suoi capolavori, "Notte stellata". Da sempre osservare le stelle accende i desideri e l'immaginazione e avvicina l'uomo alla natura e all'infinito. D'estate è ancora più coinvolgente osservare il magico spettacolo delle Perseidi, lo sciame di meteoriti più bello e luminoso dell'anno che raggiunge il suo picco attorno al 10 agosto, notte di san Lorenzo. Le stelle cadenti sono infatti chiamate le "lacrime di san Lorenzo" e invogliano a rivolgere gli occhi al cielo e a lasciarsi trasportare nella pioggia di stelle. Nel mondo ci sono alcuni luoghi perfetti per gli appassionati di star watching: sono posti incontaminati, dal deserto alle montagne, dove non c'è inquinamento atmosferico e luminoso e dove la volta celeste regala spettacoli mozzafiato.

    In Spagna è l'osservatorio di Roque de los Muchachos, sull'isola di La Palma, uno dei migliori centri al mondo per l'astronomia e per osservare il cielo: dotato di telescopi giganti, è la meta ideale per assistere alla pioggia di Perseide. L'osservatorio si affaccia sulla Caldera de Taburiente, il più grande cratere del mondo, profondo 1.500 metri e coperto di alberi e rocce vulcaniche in formazioni sorprendenti. Sede dell'Instituto de Astrofísica de Canarias, l'osservatorio accoglie da tutto il mondo scienziati che utilizzano i suoi telescopi giganti per scrutare il cielo notturno. In realtà a La Palma le stelle si ammirano anche a occhio nudo: passeggiando sull'isola di notte sembrano così vicine da poterle quasi toccare. Una legge del 1988 la protegge dall'inquinamento luminoso e la rende un punto di riferimento mondiale per la protezione del cielo e lo sviluppo dell'astroturismo sostenibile. Nel 2012 l'astrofisica Ana García Suárez ha fondato La Palma Astronomy Tours (lapalmastars.com) che accompagna i visitatori nei migliori punti di osservazione, organizza laboratori di astronomia e corsi di fotografia notturna. I tour permettono di raggiungere i telescopi giganti dell'osservatorio di Roque de los Muchachos e offrono diverse attività, tra cui l'esperienza "Tapas e Stelle" che combina la degustazione di tapas con l'osservazione astronomica nell'incomparabile scenario del vulcano San Antonio. Per informazioni: starsislandlapalma.es

Nell'Irlanda del Nord c'è un luogo che permette di ammirare le stelle più luminose immersi in un misterioso sito archeologico: nella foresta di Davagh, all'interno della contea di Tyron, l'OM Dark Sky Park and Observatory organizza visite guidate con un astronomo per ammirare la scintillante coltre del cielo notturno. Dotato di una tecnologia all'avanguardia l'osservatorio astronomico, che prende il nome dal suono dell'universo OM, permette di contemplare nelle ore notturne il cielo in modo pressoché perfetto e senza il minimo inquinamento luminoso. Con particolari installazioni olografiche, visori per la realtà virtuale e pannelli didattici si può osservare il cielo notturno ed esplorare il sistema solare. Verso sera, quando il tetto retrattile dell'osservatorio si apre, il sofisticato telescopio entra in funzione catturando le immagini della superficie lunare e dei pianeti lontani. Quel che rende questa esperienza indimenticabile è che sotto lo stesso cielo stellato a pochi chilometri dall'osservatorio spunta dal terreno delle Sperrin Mountains il misterioso cerchio di pietre delle Beaghmore Stone Circles, testimonianze dell'età del bronzo. Per maggiori informazioni: omdarksky.com

In Italia esistono molti luoghi adatti ad ammirare le stelle cadenti; è sufficiente salire in cima a una montagna o allontanarsi dall'inquinamento luminoso delle città per poter vedere la volta piena di stelle. Alcuni luoghi, però, hanno ottenuto una certificazione ufficiale di "Dark Sky Park", cioè di "parco delle stelle", per la nitidezza del cielo e la qualità dell'aria, come il parco naturale di Fanes-Sennes-Braies di San Vigilio di Marebbe, dove ci sono vasti altopiani e terrazzamenti incontaminati.

A Folgarida, in Val di Sole, l'aria è così tersa che d'estate si organizzano astrotrekking per osservare le stelle: fino al 9 settembre ogni giovedì, dalle 20.30 a mezzanotte e mezzo, si parte dall'ufficio informazioni e si raggiunge la malga di Dimaro per poi fare una breve camminata con una guida locale nei boschi e sui pascoli della zona per ammirare le stelle al rifugio Albasini, struttura certificata tra i "Cieli più belli d'Italia" da Astronomitaly, la rete italiana del turismo astronomico. Qui i telescopi permettono di osservare il cielo, le stelle e la Via Lattea.

Il borgo di Troina, in provincia di Enna, è un altro luogo certificato dalla società Astronomitaly, che classifica i migliori cieli d'Italia e valorizza i luoghi che mirano a diventare destinazioni d'eccellenza per osservare le stelle e che si impegnano nella tutela e nella valorizzazione del patrimonio celeste. A un'altezza di 1.100 metri, il borgo siciliano offre due location dove osservare le stelle cadenti: il lago di Ancipa e la contrada Sambuchello, sui monti Nebrodi.

Anche Valpiana, piccola località a 1.211 metri d'altezza vicino a Ossana, in provincia di Trento, ha ricevuto la certificazione per la nitidezza del cielo e per la possibilità di ammirare le stelle e la Via Lattea. L'osservatorio polifunzionale del Chianti, uno dei migliori osservatori astronomici certificati, è a Barberino Val d'Elsa, in Toscana, ed è il luogo perfetto per ammirare il firmamento nella natura del parco botanico del Chianti.

Premiata anch'essa con la certificazione "I cieli più belli d'Italia", la Val d'Ega, nel cuore delle Dolomiti altoatesine, è un altro luogo privilegiato dove si organizzano passeggiate lungo i sentieri per osservare le stelle. I luoghi coinvolti sono Collepietra, piccola capitale del primo villaggio stellare d'Europa, e le località di Cornedo all'Isarco, Cardano e San Valentino in Campo. Qui è stato riaperto il Planetarium Alto Adige con un ricco programma che prevede passeggiate notturne per osservare le stelle, laboratori di costruzione di razzi per bambini e famiglie e passeggiate guidate sul "sentiero dei pianeti". Per maggiori informazioni: valdega.com e astronomitaly.com 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie