ANSAcom

Luna: direttore Osservatorio astronomico, ora viene Marte

"Ora prevalgono ragioni Scienza non interessi geopolitici"

PALERMO ANSAcom

A Palazzo Reale si ricorda la conquista della luna ma, cinquant'anni dopo, tutti gli occhi sono puntati su Marte. "La prossima tappa è quella", dice Fabrizio Bocchino, direttore dell'Inaf-Osservatorio astronomico di Palermo. La luna potrebbe diventare la stazione di appoggio per una nuova missione spaziale molto più straordinaria di quella dell'Apollo 11. I tempi non si possono però prevedere. Sia perché le risorse da investire sono ingenti sia perché manca, come nel 1969, lo stimolo di una sfida tra grandi potenze. "Allora - dice Bocchino - Stati Uniti e Unione Sovietica cercavano una supremazia non solo militare ma geopolitica. Erano i tempi della guerra fredda. E c'era una gara ad arrivare primi". Si combinavano allora due interessi: quello scientifico e quello politico. Le condizioni di una nuova sfida non ci sarebbero più. Almeno non ci sarebbero con la stessa prevalenza di prima. Ora, secondo Bocchino, prevalgono le ragioni della scienza.

In collaborazione con:
FONDAZIONE FEDERICO II

Archiviato in