Case sull'albero, tornare bambini e scoprirsi green

Nel dopo covid soggiorni più sostenibili, tra Italia e Sudafrica

di Marzia Apice ROMA

Se la pandemia ci obbliga a stare a casa, di certo però non può impedirci di sognare i prossimi viaggi, quando, arginato il covid, potremo di nuovo immergerci, col corpo e con la mente, nelle meraviglie della natura. Proprio in occasione della Giornata nazionale degli Alberi di oggi 21 novembre, un rimedio per risollevare il nostro umore reso cupo dalla clausura potrebbe essere pensare di poter trascorrere qualche giorno in una casetta sull'albero, in mezzo al verde di rigogliosi boschi e foreste. Chi volesse già iniziare a programmare una vacanza sostenibile e attenta all'ambiente, può seguire i consigli di Pitchup.com, piattaforma di instant booking per le vacanze outdoor leader in Europa, che invita a scoprire alcune delle case sull'albero più belle tra Italia, Francia, Inghilterra e Sudafrica. Per tornare ancora bambini e godere, con il partner, gli amici o la famiglia, del potere rigenerante del patrimonio arboreo.

Del resto, nel lockdown è cresciuta tra gli italiani la coscienza ambientale: a rivelarlo la ricerca condotta dall'Osservatorio Mensile Findomestic ed Eumetra, secondo cui l'81% degli intervistati - erano il 73% a ottobre 2018 - è disposto oggi a spendere di più per acquistare prodotti o servizi rispettosi dell'ambiente. Anche il Rapporto sull'Economia del Benessere 2020 di Philips va in questo senso, rivelando che, a seguito della pandemia, gli italiani hanno adottato comportamenti "green": circa 3.5 prodotti su 10 che mettiamo oggi nei nostri carrelli sono "sostenibili", mentre quasi 4 italiani su 10 dimostrano una buona propensione a spendere di più pur di poter consumare prodotti ecosostenibili.

Anche le vacanze, quindi, molto probabilmente potrebbero orientarsi verso la sostenibilità. Il viaggio alla scoperta di un soggiorno in mezzo alla natura inizia in Italia, a Civitella Paganica, tra i vigneti del Chianti e la costa della Maremma: qui, seguendo la tipica ospitalità toscana, fatta di accoglienza familiare e prodotti genuini, il Glamping Il Sole offre agli ospiti una bella casa sull'albero, da cui si gode di una vista a perdifiato su campi verdeggianti, frutteti e uliveti, orti e pascoli, oltre che di tranquillità e silenzio.

In Francia, a Clairac, nel dipartimento francese di Lot e Garonna, il Domaine de Pech et Lafon dà l'opportunità di soggiornare in lussuose case sull'albero, tutte a tema e stili diversi, dotate di vasche idromassaggio e di una tv con una rilassante animazione "effetto caminetto". Valore aggiunto della struttura è la collocazione all'interno di una rigogliosa foresta di querce di 15 ettari. Si prosegue ancora in Francia, ma a Saint-Hilaire-en-Morvan, nel Parco Naturale Regionale del Morvan in Borgogna, dove si trova il Domaine de Chaligny: adatto ad accogliere le famiglie, la struttura si estende per 15 ettari nei terreni di uno splendido castello a cinque minuti di auto da Château-Chinon, e offre agli ospiti la possibilità di vivere pienamente il patrimonio verde, dormendo tra le chiome degli alberi e risvegliandosi ascoltando i suoni della natura.

In Inghilterra gli amanti delle case sull'albero potranno recarsi a Henley-in-Harden, nel Warwickshire, non lontano da Worcester: qui si trova il Wotton Park che tra i suoi pod di lusso offre anche un caratteristico Tree Pod, una bellissima casa sull'albero che può accogliere fino a 2 adulti e 2 bambini, dotata di vasca idromassaggio, accappatoi, lenzuola, asciugamani e dell'occorrente per preparare un ottimo tè.

Infine un'altra opzione, più selvaggia, la Bonamanzi Game Reserve a Hluhluwe, nella provincia di KwaZulu-Natal, zona sudorientale del Sudafrica: la natura incontaminata offrirà ai viaggiatori più esigenti panorami e tramonti mozzafiato, e nella struttura, oltre a dormire nella casa sull'albero, ci sarà la possibilità di partecipare a safari alla ricerca di animali e uccelli di ogni specie. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie