Bacco e tabacco, Sartori svela affinità vino e sigari

Cantina veronese e svizzera Davidoff premiano cucine fumo lento

Redazione ANSA ROMA

Bacco e tabacco hanno molto in comune, a partire dall'importanza del terroir coltivato alla tracciabilità di produzione fino al rito del consumo lento, consapevole e appagante. A dimostrarlo una collaborazione avviata dall'azienda vinicola Sartori, coi suoi 120 anni di storia, e il brand svizzero dei sigari di alta gamma, Davidoff, premiando, tra i testimonial del fumo lento, anche lo chef Antonello Colonna.

"Il tabacco come la vite - ha sottolineato Enrico Della Pietà, brand manager Davidoff Italia - sono piante molto forti in natura e hanno un alto valore simbolico e culturale. Sia nella cultura andina che caraibica si prega per il tabacco che matura quando si inchina verso la Madre Terra e c'è un rispetto devozionale per questa pianta in tutto il Centro e Sud America. Ci sono tante varietà e ci sono, come per il vino, anche diverse denominazioni di qualità certificata del tabacco. Inoltre nella produzione dei sigari c'è il rito dell'essiccazione e successiva fermentazione, oltre che dell'invecchiamento che per Davidoff deve durare almeno 4 anni, che accomuna una produzione di qualità all'Amarone. Affinità sia nei controlli qualitativi - Davidoff ha 350 passaggi selettivi, ma anche nel piacere della fumata: sarebbe un grande difetto - ha spiegato Della Pietà - se il tabacco non avesse l'acidità che fa salivare il fumatore invitandolo a continuare la "degustazione" con blend composti da cinque foglie di varietà autoctone della Repubblica Dominicana.

Fumare una sola varietà in purezza è considerato monotono dai cultori del fumo lento che confidano sui master blender, come fanno gli enoappassionati rispetto ai wine maker, per cogliere il top dal mix delle uve". Bacco e tabacco condividono anche l'assenza di limiti nell'invecchiamento: col tabacco oro blanco invecchiato oltre 20 anni si produce un sigaro che costa oltre 500 euro al pezzo, mentre la longevità è uno dei pregi riconosciuti ai grandi vini rossi veronesi. Inoltre sia i sigari che il vino di qualità hanno molteplici possibilità di abbinamento. "L'affinità è anche nello spirito imprenditoriale, sia il tabacco che il vino - ha detto il produttore veronese Andrea Sartori - hanno bisogno di un pensiero lungo: per fare una bottiglia di Amarone ho bisogno di otto anni, con capitale fermo per 4 anni di impianti in vigna e 4 anni di affinamento.

Infine sono due realtà, la Valpolicella e Davidoff, che creano posti di lavoro e premiano economicamente tutti gli operatori della filiera. Per questo sono molti i giovani che lavorano nel settore, in particolare qui nel veronese. E noi che siamo innamorati di Verona e dobbiamo tanto a questo territorio abbiamo scelto di restituire qualcosa cambiando il nome dell'azienda che dal 1995 è Sartori di Verona, sostenendo la Fondazione dell'Arena, e puntando sempre più su produzioni sostenibili e green". Sartori a proposito della vendemmia 2021 ha rilevato che l'annata "sembra che quest'anno sia leggermente più scarsa rispetto all'anno precedente per tutte le denominazioni del Veneto, considerando che abbiamo avuto cali dal 5 al 20% nelle varie province venete, a causa delle gelate primaverili e di alcune grandinate che hanno diminuito sensibilmente la produzione. Tuttavia sarà una vendemmia di ottima qualità, sia per le uve bianche sia per quelle rosse, a conferma delle eccellenze 'made in Italy'".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie