'Pane Liquido', nasce a S.Antioco la birra fatta col civraxiu

Allenaza tra birrificio Rubio e panificio Calabrò

Redazione ANSA SANT'ANTIOCO

SANT'ANTIOCO - Il pane invenduto diventa nuovo ingrediente per la birra. Sant'Antioco fa da apripista in Sardegna per questa innovazione etica e sostenibile. Dalla sinergia tra birrificio artigianale Rubio e il panificio Calabrò, nasce così "Pane Liquido", una birra chiara, dalla bassa gradazione alcolica, prodotta grazie al riutilizzo del "civraxiu", da semola di grano duro. Beverina, con sentori tostati e le note mielose del cereale, è stata ideata per eliminare gli sprechi alimentari e creare economia circolare.

Un progetto che ha interamente le sue radici in Sardegna. "In questa birra abbiamo utilizzato un 30 per cento di pane raffermo invenduto dei panifici Calabrò - spiega Fabrizio Melis, titolare e mastro birraio dell'azienda Rubiu - Il pane è stato tostato e utilizzato direttamente in fase di ammostamento. Con questa ricetta abbiamo voluto mettere l'accento sul riutilizzo di un pane fatto con prodotti di prima qualità da un panificio con oltre 100 anni di storia alle spalle". "Aver creato insieme 'Pane Liquido' - commenta Elena Cherri del panificio Calabrò - significa aver dato nuova vita a 100 chili di pane che sarebbero andati sprecati. Pane Liquido rappresenta il punto di partenza per un'iniziativa di economia circolare e riutilizzo delle rimanenze di prodotto".

"Pane liquido" è uno dei tre prodotti di "Santa Birra", la nuova linea artigianale di Rubiu, col nuovo formato da 50 cl, in uscita questi giorni nella piccola e grande distribuzione. Ne fanno parte anche "Chiara" e "Ambrata". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie