Giornata api: Coldiretti, in pandemia +44% consumi miele

Ma la produzione soffre i cambiamenti climatici

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 20 MAG - Con la pandemia vola il consumo di miele con gli acquisti degli italiani che aumentano del 44% spinti dalla voglia di garantirsi cibi importanti per la salute ma anche dal maggior tempo trascorso in casa nella preparazione di dolci e tisane. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti divulgata in occasione della giornata mondiale delle api istituita dall'Onu, che si festeggia il 20 maggio a livello planetario, sulla base dei dati Nielsen sulle vendite nella Grande distribuzione organizzata nel periodo compreso tra lunedì 17 febbraio e domenica 03 maggio.

Un aumento esplosivo della domanda che si scontra però con una momento difficile per la produzione di miele Made in Italy per effetto dell'andamento climatico anomalo con una grave siccità che ha ridotto le fioriture e stressato le api. In Italia - precisa la Coldiretti - il raccolto rischia di essere anche peggiore del 2019, quando, con una produzione nazionale di appena 15 milioni di chili a fronte di un quantitativo di quasi 25 milioni di chili di miele importato durante l'anno dall'estero secondo elaborazioni Coldiretti su dati Istat dalle quali si evidenzia che il 40% arriva dall'Ungheria e oltre il 10% dalla Cina. In altre parole - precisa la Coldiretti - quasi 2 barattoli di miele su tre sono stranieri.

In Italia - spiega la Coldiretti - esistono più di 60 varietà di miele a seconda del tipo di "pascolo" delle api. Nelle campagne italiane ci sono 1,5 milioni gli alveari curati da sessantamila apicoltori di cui circa 2/3 produce per autoconsumo. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie