Cereali: censimento Ismea, oltre 1.460 i centri di stoccaggio in Italia

Ma il 64% ha più di 30 anni, situazione migliore al Sud

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Sono 1.460 i centri di stoccaggio di cereali in Italia. E' quanto emerge dal nuovo censimento di Ismea, dopo quello del 2012-13, che fotografa queste importanti strutture di raccordo tra le fasi della produzione primaria e della trasformazione industriale. In particolare, secondo l'indagine quantitativa e qualitativa conclusa a marzo 2019, sono 3.300 le aziende della filiera cerealicola, di cui 1.103 in possesso di centri di stoccaggio. Obiettivo del censimento è mettere a disposizione informazioni per orientare future politiche per aumentare la competitività dell'intera filiera cerealicola.

Tra i dati emersi, Ismea rileva che il 64% del totale dei centri censiti ha più di 30 anni di età, quota che sale al 74% nel Nord Est e nel Centro mentre scende al 47% nel Sud e Isole; nel 40% dei casi sono stati realizzati interventi di ampliamenti e per la stessa quota ammodernamenti e/o ristrutturazioni; quota che risulta omogenea tra le macro aree geografiche, ad eccezione del Sud e Isole dove risulta un valore superiore al 70% di centri che non hanno fatto ampliamenti e il 56% ammodernamenti.

Il 66% del totale dei centri è dotato di una sola fossa di scarico e il 63% di una sola linea di carico; il dettaglio regionale evidenzia uno scenario più favorevole solo per i centri censiti in Puglia. Quanto alla capacità di carico e scarico, nel 50% dei centri è inferiore a 300 quintali/h; solo in Emilia Romagna, Puglia, Marche e Friuli V.G. si scende al 30%. Riguardo la dotazione strumentale, circa il 90% dei centri ha dichiarato di possedere almeno una delle strumentazioni considerate e solo il 10% di non possederne nessuna. Tra le strumentazioni maggiormente presenti ci sono gli strumenti rapidi di analisi qualitativa (il 73% dei casi, con particolare riferimento alla misurazione di umidità, peso specifico e proteine). 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA