Test riuscito per la navetta che riporterà l'uomo sulla Luna - VIDEO

Bene il sistema d'emergenza per salvare l'equipaggio nel lancio

Redazione ANSA

Successo per il nuovo test in volo di Orion, la navetta con cui la Nasa conta di riportare gli astronauti sulla Luna nel 2024 e poi su Marte. Sono bastati tre minuti dopo il lancio dalla base di Cape Canaveral per verificare, alla quota di circa 9 chilometri, il perfetto funzionamento del sistema di sicurezza (Launch escape system, Les) che dovrebbe entrare in azione in caso di emergenza per salvare l'equipaggio durante la fase di ascesa, allontanando la capsula dal missile tramite razzi ausiliari per poi farla tuffare nell'oceano.



"Stiamo costruendo il razzo più potente del mondo per portare gli astronauti sulla Luna con la navetta Orion per le missioni Artemis", spiega Bill Hill, vicedirettore associato dello sviluppo di sistemi per l'esplorazione della Nasa. "Con questo sistema di esplorazione progettato per trasportare in sicurezza gli esseri umani più lontano di quanto mai prima d'ora, avremo anche un sistema di interruzione del lancio altrettanto potente che allontanerà l'equipaggio in caso di problemi al razzo durante la prima parte dell'ascesa".

"Il lancio è uno degli aspetti più difficili e pericolosi del viaggio verso la Luna", aggiunge Mark Kirasich, responsabile del programma Orion al Johnson Space Center di Houston. "Questo test - precisa infine - ha simulato alcune delle condizioni più difficili che Orion dovrà affrontare nel caso in cui si verifichi un'emergenza durante la fase di ascesa. Il team ha dimostrato le nostre capacità di eseguire la sequenza di aborto in queste condizioni facendoci fare un grande passo avanti verso il primo volo di Artemis per portare persone sulla Luna".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA