Emicrania, nei pazienti cronici anche carenza vitamina B12

Esperti, bisogna indagare le basi di questo deficit

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 12 SET - Nei pazienti con emicrania cronica e molto intensa c'è anche una carenza di vitamina B12. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista ufficiale dell'Accademia Brasiliana di Neurologia, Arquivos de Neuro-Psiquiatria.
    Si ritiene che la carenza di vitamina B12 e l'eccesso di omocisteina nel sangue (iperomocisteinemia) causino danni alle cellule endoteliali, quelle che compongono uno strato della parete dei vasi sanguigni, aumentando i livelli di radicali liberi, che possono essere correlati all'insorgenza di episodi di emicrania.
    Esperti dell'Università di Istanbul hanno condotto lo studio attuale per determinare la correlazione tra i livelli di vitamina B12 e la frequenza degli attacchi di emicrania e la gravità del dolore. Lo studio ha incluso 127 pazienti con emicrania e 45 individui sani (gruppo di controllo) che si sono presentati all'Okmeydani Training and Research Hospital tra il 2019 e il 2020. Gli esperti hanno registrato la frequenza degli attacchi di emicrania, la durata degli attacchi, la gravità del dolore, le caratteristiche cliniche e la localizzazione del mal di testa. La gravità del dolore è stata valutata utilizzando una scala (VAS). I ricercatori considerano bassi livelli di vitamina B12 inferiori a 300 nanogrammi/Litro di sangue.
    I pazienti sono stati suddivisi in 3 gruppi in base alla frequenza degli attacchi: episodici infrequenti (1-3 attacchi di emicrania al mese), episodici frequenti (4-14 giorni al mese) e cronici. L'emicrania cronica (CM) è stata identificata come un mal di testa della durata di oltre 4 ore per 15 o più giorni al mese per un periodo minimo di 3 mesi.
    I ricercatori hanno riscontrato che i livelli di vitamina B12 nei pazienti con emicrania erano significativamente più bassi (227,30 nanogrammi per litro) rispetto al gruppo di controllo (278,44 ng/L).
    Anche i livelli di vitamina B12 dei pazienti con emicrania cronica (197,50 ng/L) sono risultati inferiori a quelli dei pazienti con attacchi di emicrania meno frequenti (278,56 ng/L).
    I ricercatori hanno anche notato che i livelli di vitamina B12 erano più bassi nei casi con una maggiore frequenza di dolore. Nel complesso, è stata osservata una correlazione negativa tra emicrania e livelli di vitamina B12. Gli autori suggeriscono che una possibile causa di carenza vitaminica nei casi di emicrania cronica sia l'uso frequente di analgesici che possono disturbare l'assorbimento della vitamina.
    Serviranno comunque nuovi studi per capire cosa ci sia alla base della carenza vitaminica nei pazienti con emicrania.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA