Da Honda un nuovo airbag frontale, assomiglia a un guanto da baseball

Protegge dagli urti il passeggero anteriore

Redazione ANSA

I giapponesi della Honda hanno presentato un nuovo tipo di airbag frontale, di maggiori dimensioni rispetto a quelle standard. Di forma simile a un guantone da baseball, punta a ridurre le conseguenze fisiche per il passeggero anteriore in una grande varietà di incidenti che oggi provocano lesioni serie. E' stato sviluppato dal reparto statunitense ricerca e sviluppo del Costruttore nipponico che ha sede a Raymond, in Ohio, e che al momento è uno dei più avanzati al mondo. Le sue prime applicazioni su modelli di produzione sono attese in Nordamerica per il 2020.

Questo nuovo dispositivo è in grado di proteggere meglio degli attuali chi siede di fianco al guidatore sia negli urti con altri veicoli sia contro barriere fisse. L'airbag, o meglio l'insieme di airbag, è stato sviluppato in collaborazione con Autoliv, azienda specializzata nella produzione di sistemi di sicurezza per auto. Una delle grandi novità è rappresentato dalla struttura: al posto dell'usuale 'palloncino' unico vi sono tre elementi gonfiabili, uniti fra loro per formare una 'C' da un elemento in tessuto. Il sistema, spiegano dalla Honda, si gonfia 'come un guanto da baseball' e riesce a garantire al passeggero una protezione superiore rispetto agli standard attuali, contribuendo con maggiore efficacia a decelerare negli incidenti il movimento della testa del trasportato sul sedile anteriore. Si tratta di una soluzione messa a punto sulla base di ricerche e studi che hanno analizzato le dinamiche di migliaia di scontri.

"Questa nuova tecnologia airbag - ha detto Jim Keller, presidente di Honda R&D Americas - rappresenta lo sforzo continuo di Honda per migliorare le prestazioni di sicurezza in una varietà sempre più ampia di scenari di incidente e riflette il pensiero innovativo che i nostri ingegneri stanno portando alla sfida di ridurre gli incidenti stradali e gli incidenti mortali. Guidati dall'impegno 'Sicurezza per tutti', i nostri ingegneri riconoscono che il loro lavoro su questo tipo di tecnologia rivoluzionaria avrà effetti di vasta portata sulla vita delle persone per molti anni a venire".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA