Audi Q3 Sportback, il suv coupé davvero sportivo alla prova

Scattante e divertente, l'auto da famiglia regala emozioni

Francesco Fabbri

Audi Q3 Sportback è l'anello di congiunzione tra un suv di lusso e un coupé che fa girar la testa ai passanti. E non è soltanto questione di linee: è nel dna di questa vettura dal profilo deciso e intrigante l'attrarre attenzione. Primo SUV coupé compatto del Marchio dei quattro anelli, si presenta matura soprattutto in termini di design: unisce la praticità di un veicolo poliedrico alle forme da auto sportiva: le fiancate muscolose, il frontale grintoso, la linea discendente del tetto che si concentra su un posteriore aggressivo. Non facile bilanciare tutte queste caratteristiche in un'auto sola, che sa essere comoda per la famiglia ma anche generosa nelle escursione fuori dai tracciati asfaltati e volitiva nella guida sportiva.
Abbiamo avuto l'occasione di testare la vettura - una Audi Q3 Sportback 35 TDI S tronic S line edition - in un lungo percorso che ci ha condotto, nei giorni, dal traffico di Roma ai divertenti tornanti che si srotolano nei dintorni del lago del Turano, nel reatino. 

Nei percorsi cittadini Q3 Sportback si muove sorniona, sopportando i frequenti stop&go dovuto al traffico. Fondamentali gli aiuti dell'elettronica, soprattutto in fase di manovra: la visibilità posteriore è garantita quasi esclusivamente dalle telecamere, ma in caso di possibile impatto l'auto arriva a bloccarsi da sola ben prima del contatto.
Dal galoppo al trotto alla corsa, è questione di pochi istanti: una natura che cambia completamente quando c'è bisogno di grinta su strade veloci o, meglio ancora, quando si affrontano tracciati più impegnativi. Merito, moltissimo, del cambio sequenziale a 7 rapporti con trasmissione S tronic a doppia frizione e delle numerose possibili configurazioni. Ce ne sono sei, dal più tranquillo Eco allo scatenato Dynamic, riconoscibile per l'assetto immediatamente rigido e per il sound aggressivo. Disponibile, per i più esigenti, un profilo di guida personalizzabile a seconda delle necessità personali. Fuori strada ci si affida all'Off-road. Per i più pigri, c'è anche la modalità Auto che intuisce e asseconda con grande sensibilità i cambiamenti di necessità e stili di guida, anche improvvisi.
Impressiona, decisamente, il dosaggio dei 150 CV della versione protagonista della nostra prova: sembrano davvero molti di più. Sempre pronti, fanno quasi scomparire i volumi, 4,5 metri di lunghezza per 1,84 di larghezza, e il peso di 1,6 tonnellate, regalando agilità e scioltezza in tutte le situazioni. 

Audi Q3 Sportback, il suv coupe' sportivo alla prova

Lo sterzo progressivo - di serie - si plasma gradualmente: morbido nelle manovre cittadine, si irrigidisce all'occorrenza, con una precisione sempre crescente. E con i sistemi di assistenza alla quida presenti sull'auto protagonista del nostro test - dal cuise control adattivo al lane assist - i viaggi più lunghi diventano di assoluto relax.
La posizione di guida è un capolavoro di sartoria, cucita addosso al pilota: i sedili si regolano - oltre che in altezza, profondità e inclinazione - anche nella posizione lombare e nel sostegno per le gambe, mentre il volante è regolabile sia in altezza che in profondità Paga pegno al lunotto inclinato distintivo del coupé chi siede sul divano posteriore: anche con la panca completamente arretrata, lo spazio per le gambe può risultare ridotto se chi siede davanti è particolarmente alto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie