Kia Sportage Hev AWD, evoluzione su misura per l'Europa

Nuova piattaforma, motore full hybrid e dinamica marcia al top

di Andrea Silvuni MILANO

Ancora pochi giorni e la quinta generazione del suv Sportage - il modello Kia più venduto - sbarcherà anche in Italia, con una gamma davvero 'su misura' per le esigenze dei clienti più diversi, spaziando dalle versioni ICE benzina e gasolio (tutte mild hybrid) rispettivamente da 150 e 136 Cv fino alla full hybrid 230 Cv - oggetto del test in anteprima di ANSA Motori - con il modello di punta, lo Sportage hybrid plug-in da 285 Cv solo 4x4 che arriverà in primavera.
    L'arrivo di questo suv - costruito dalla Casa coreana in Europa sulla base delle preferenze degli automobilisti europei - rappresenta una tappa davvero importante per Kia, in quanto le dimensioni e le caratteristiche di questo modello completamente riprogettato, a partire dalla piattaforma N3 condivisa con il suv Sorento di fascia superiore, lo posizionano nella zona 'alta' del segmento.
  

  Lungo 3 cm in più rispetto al precedente modello, nuovo Sportage raggiunge dunque i 4,52 metri di lunghezza, offrendo ora un bagagliaio più ampio e un maggiore spazio per le gambe di chi siede dietro, che era già uno dei punti di forza della quarta generazione. Siamo dunque nel 'cuore' del segmento C-Suv, uno dei più vivaci, e Kia punta a ricoprire un ruolo di primaria potendo contare su un suv che può competere per dotazioni, qualità, confort e qualità dinamiche con i 'premium' ma con un ticket d'ingresso alla gamma (Sportage 1.6 TGDi Mhev Business) che costa soltanto 29.950 euro.
    E' vero che la versione oggetto della nostra prova, lo Sportage 1.6 TGDI Hev AT AWD Gt-Line Plus costa 44.950 euro, ma in questo caso ci troviamo al top dell'offerta e con caratteristiche, come il sistema full hybrid da 230 Cv, la trazione integrale a controllo elettronico e il cambio automatico a 7 rapporti, e con dotazioni ADAS e di confort che per altre marchi fanno passare alla fascia dei 60mila euro.
    Trattandosi della variante AWD, Kia Sportage mette a disposizione di chi siede al volante delle sospensioni a controllo elettronico di nuova generazione (ECS) e della nuova modalità Terrain nel menù delle modalità di guida. Come abbiamo avuto modo di apprezzare in un articolato test in città e nell'area del Lago Maggiore, questa soluzione high tech per le sospensioni offre un confort ottimale e livelli di sicurezza superiori .
    La tecnologia ECS di Sportage reagisce rapidamente ai movimenti del corpo vettura e agli input dello sterzo. Ciò provoca regolazioni in tempo reale degli ammortizzatori per contrastare - in curva, ma anche in accelerazione e in frenata - il sollevamento, il beccheggio e il rollio del corpo vettura.
    Più che positivo il giudizio per il sistema di sterzo che è stato meticolosamente messo a punto dagli ingegneri Kia assieme all'assetto e che evidenzia una maggiore precisione negli inserimenti e una corretta 'sensibilità' attraverso il volante.
    Il tutto - ribadisce Kia - per "creare quell'esperienza di guida dinamica e coinvolgente che è ottimale per le strade del Vecchio Continente".
    Guidare Sportage - soprattutto se si utilizza il settaggio Sport, alternativa a quello Eco - è davvero piacevole e pienamente soddisfacente, con un 'carattere' che è davvero europeo (per non dire latino) rispetto alla generazione precedente. Se poi si vuole sfruttare tutta la potenzialità delle quattro ruote motrici, la nuova funzione Terrain fa davvero la differenza.
    Il sistema AWD a controllo elettronico assicura che la potenza sia distribuita in modo ottimale tra le ruote anteriori e posteriori a seconda delle condizioni del fondo stradale e della situazione di guida. E con il selettore Terrain si può scegliere la taratura ottimale per tre diverse situazioni (fango, neve e sabbia).
    L'elettronica è presente in grande quantità nelle funzioni di assistenza alla guida (ADAS) e in quelle di intrattenimento e confort. Spiccano l'Highway Driving Assist (HDA) che può anche regolare la velocità in base al limite di velocità, lo Smart Cruise Control (NSCC) che utilizzando i dati di navigazione in tempo reale riduce - ad esempio - la velocità prima di incontrare una curva o ancora il nuovo sistema Blind-Spot Collision-Avoidance Assist (BCA) con controllo laterale esteso.
    Sotto al cofano di Sportage c'è, come in due altre versioni, il raffinato motore 1.6 T-GDI a quattro cilindri, dotato anche di CVVD (Continuous Variable Valve Duration), una tecnologia che controlla la durata del sollevamento delle valvole per migliorare notevolmente prestazioni, risparmio di carburante ed emissioni. il motore 1.6 beneficia oltre che del CVVD, anche di miglioramrnti nells combustione, nel raffreddamento e negli attriti.
    Nello Sportage Hybrid, il motore 1.6 T-GDI è accoppiato ad un'unità elettrica a magneti permanenti da 44,2 kW e ad una batteria ai polimeri di ioni di litio da 1,49 kWh. La potenza totale del sistema è di 230 Cv, con 350 Nm di coppia massima già disponibili a 1.500 giri. Non essendo un plug-in, la batteria (che è collocata sotto i sedili posteriori) viene ricaricata dal gruppo termico o dal recupero di energia in rallentamento, contribuendo di continuo alla riduzione dei consumi e delle emissioni. Kia dichiara per questa versione un valore omologato di 6,16 litri per 100 km e 140 g/km di CO2 nel ciclo WLTP.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie