Škoda Enyaq iV, certificato attesta anima 'green' del SUV

Neutralità di CO2 documentata durante il ciclo produttivo

Redazione ANSA MILANO

Una consegna certificata, quella di Škoda ai nuovi clienti Enyaq iV. La casa boema in virtù dell'assenza di emissioni del suo nuovo SUV selttrico, ha deciso di accompagnare alla consegna di ogni Enyaq iV alla consegna di un certificato che attesta un bilancio neutrale di CO2 nel ciclo produttivo della vettura. La casa automobilistica documenta infatti tutte le emissioni di CO2 durante il processo di produzione secondo gli standard ISO e riduce il rilascio di anidride carbonica durante la produzione attraverso una serie di azioni diversificate. Škoda auto compensa infatti le rimanenti e inevitabili emissioni di CO2 durante la produzione, attraverso progetti certificati di protezione del clima, come ad esempio nel caso della costruzione di un parco eolico in India. I veicoli elettrici a batteria come il Nuovo SUV Škoda Enyaq iV sono per loro stessa natura privi di emissioni locali durante la guida e arrivano al completo azzeramento delle emissioni quando sono alimentati da elettricità prodotta da fonti rinnovabili.
    Tuttavia, la loro reale impronta ecologica comprende anche le emissioni di CO2 rilasciate durante la produzione. Grazie a una serie di misure, Škoda può oggi consegnare il nuovo SUV ai propri Clienti con un bilancio neutro sulle emissioni di carbonio. Il risultato 'green' è ottenuto ottimizzando le operazioni e i processi di produzione nei propri stabilimenti.
    Vrchlabí, dove viene prodotta la componentistica, è diventato il primo sito di produzione a zero emissioni di CO2 di Škoda alla fine del 2020. Enyaq iV viene costruito nello stabilimento principale a Mladá Boleslav, dove è in fase di installazione il più grande impianto fotovoltaico 'da tetto' della Repubblica Ceca in collaborazione con il fornitore di servizi energetici ČEZ. Tutta l'energia necessaria per la produzione negli stabilimenti nazionali di Škoda Auto proverrà da fonti a zero emissioni entro la fine di questo decennio. Inoltre l'app OPTIKON sviluppata da Škoda dimostra in concreto quanto le idee intelligenti possano far risparmiare emissioni. Con l'aiuto dell'intelligenza artificiale, questa app assicura il miglior sfruttamento dello spazio nei container di trasporto. Come risultato, solo nel primo semestre del 2020 sono state risparmiate più di 150 spedizioni e quindi 80 tonnellate di CO2.
    Oltre all'ottimizzazione dei propri processi produttivi, Škoda Auto controlla anche le emissioni di fornitori e partner.
    L'azienda si assicura che le emissioni vengano proporzionalmente evitate o ridotte nella catena di fornitura e nella logistica, utilizzando elettricità 'verde'. Per esempio, il fornitore LG garantisce l'uso di energia da fonti rinnovabili per produrre le batterie da trazione. Anche molti altri partner hanno assicurato processi di produzione rispettosi dell'ambiente. Le batterie di trazione, dopo essere state utilizzate nei veicoli, hanno una seconda vita nei sistemi di accumulo di energia. Questa soluzione prolunga la vita utile delle batterie e quindi migliora la loro impronta ecologica. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie