Lucid Air, Arabia Saudita lancia sfida 'elettrica' a Tesla

La base costa meno, ha stesso range e si carica più un fretta

Redazione ANSA ROMA

L'annuncio fatto da Lucid, il nuovo player nel mercato Usa delle auto elettriche premium di proprietà del fondo sovrano dell'Arabia Saudita, ha preoccupato e non poco lo staff dirigenziale di Tesla. Dopo una lunga gestazione la Casa fondata da Bernard Tse (ex direttore Tesla) assieme a Sam Weng e Sheaupyng Lin ha infatti presentato la versione definitiva della Air. Si tratta di una berlina che si pone in diretta concorrenza con la Model S ma che vanta migliori prestazioni e soprattutto un prezzo che, al netto degli incentivi (e nonostante un immediato ribasso dei listini Tesla) costa l'equivalente di 1.700 euro in meno. Proposta a 69.900 dollari (59.720 euro) la Lucid Air punta a conquistare, o meglio a 'sottrarre' clienti al marchio rivale, con una autonomia leggermente superiore rispetto alla Model S Long Range Plus (650 km invece di 640) e soprattutto su tempi di ricarica cancora più rapidi.

La Lucid Air utilizza infatti un pacco batterie a 924 Volt, che permette di utilizzare colonnine da 300 kW, in verità oggi ancora rare negli Stati Uniti. Per ovviare a questo problema Lucid ha annunciato 3 anni di ricariche gratis attraverso la rete Electrify America che ha comunue una infrastruttura di ricarica rapida in rapida espansione. Dove Tesla Model S resta ancora superiore è nelle prestazioni velocistiche, che negli Usa hanno comunque un valore marginale visti i severi limiti su strade e autostrade. La versione d'ingresso Lucid Air mette infatti a disposizione 480 Cv, mentre per arrivare ai 'vertici' propri delle Tesla più perforanti occorre passare alla versione Air Dream Edition da 1.080 Cv, che è però a listino a 161.500 dollari, cioè 138.000 euro. La gamma annunciata da Lucid comprende anche la Air Touring da 620 Cv (87.500 dollari, pari a 74.720 euro) e la Air Grand Touring da 800 Cv (131.500 dollari, cioè 112.230 euro). Ad arrivare per prima nei Lucid Studios - 20 programmati inzialmente nella sola California, ma con obiettivo di allargarsi a tutti gli Usa e al Canada - dall'estate del prossimo anno sarà proprio la Air Grand Touring, seguita in autunno dalla Touring. Per la più 'cheap', cioè la Air d'ingresso, occorrerà attendere l'inizio del 2022. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie