Messico, boom di veicoli ibridi ed elettrici

Erano una rarità, adesso le auto non inquinanti sono sempre di più

Redazione ANSA

La vendita di veicoli ibridi o elettrici registra un vero "boom" in Messico, a causa degli alti prezzi della benzina e delle crisi ambientali che si verificano frequentemente nella capitale. Le autorità di Città del Messico e di altre città sono state costrette ad adottare misure più rigorose per limitare il transito di auto tradizionali, che ha generato una forte domanda di auto ecologiche.Questa tendenza alla crescita esponenziale è stata inoltre accompagnata da una crescente offerta da parte dei produttori.

Questo tipo di veicoli era una rarità nel 2006 mentre attualmente sono 6.714, vale a dire l'1% del totale, segnando un incremento del  34% in più rispetto al 2018. Secondo l'Integrate Data Facts (IDF), questa cifra raddoppierà nei prossimi cinque anni, il che ha scatenato una forte concorrenza da parte delle grandi case automobilistiche per aggiudicarsi una parte di questo mercato. Il Messico è lontano dai livelli dei paesi ricchi e non è nemmeno possibile confrontarlo con il 4,5% delle auto ibride o elettriche che si trovano solo in California, negli Stati Uniti, ma l'espansione è davvero eccezionale.

Brais Alvarez, account manager di J.D. Power ha affermato che "tutti i marchi stanno cercando di offrire almeno un'opzione in questo tipo di motore ibrido per aumentare il loro portafoglio". "Auto di questo tipo non sono fabbricate in Messico e implica uno spazio nell'importazione dei loro veicoli per averli qui, ma è un segmento che sta crescendo", ha detto.

I produttori giapponesi sono leader del mercato messicano emergente per veicoli ibridi ed elettrici, con Toyota leader (57%), seguita da Honda (8%), Nissan (5%) e Infiniti (3%). La compagnia sudcoreana KIA si trova al quinto posto (4%) e la Ford americana al sesto (4%), lasciando un'altra società sudcoreana, Hyundai, al settimo (con il 3%), secondo IDF. Il resto del mercato (16%) è distribuito tra altri marchi come la BMW e Porsche tedesca e la Jaguar indiana.

Secondo le indagini condotte da uno specialista, il principale motivo che incoraggia i consumatori a preferire un'auto ibrida o elettrica è il risparmio di carburante e, in secondo luogo, la protezione dell'ambiente. "È una combinazione tra le persone che affermano che è più adatta a loro perché spenderanno meno in benzina e perché si preoccupano del problema ecologico", ha detto Alvarez, che crede che l'acquirente di questi veicoli cerchi qualcosa di più di un'auto convenzionale e preferisca qualcosa di diverso.

"È un cliente molto più complesso ed esigente, con un profilo diverso da quello che acquista una auto tradizionale. E' più preparato, hanno un elevato grado di istruzione, di solito vive in stati di alta densità di veicoli", ha detto. Di fronte alla crescita dell'interesse per questi veicoli, Toyota ha annunciato i suoi piani per commercializzare il marchio Lexus in versione ibrida dal 2021. Uno dei maggiori incentivi per le persone a optare per un'auto che combina l'uso di benzina ed energia elettrica o soltanto elettrica, oltre al risparmio di carburante è che è esente da restrizioni del traffico e non paga le tasse.

Inoltre, su alcune autostrade di Città del Messico e dintorni, è concesso uno sconto del 20% sulla tariffa del pedaggio. È sempre più comune nel paese osservare stazioni di ricarica per auto elettriche nei parcheggi. "Senza dubbio, il consumatore messicano ha superato sfiducia nelle tecnologie ibride ed elettriche", stima J.D. Potenza. I prezzi sono ancora alti, ma stanno diventando più economici e il loro costo è già simile a quello di un grosso SUV. Tuttavia, questo tipo di auto  non sono ancora disponibili per le persone della classe media, anche se gli esperti si aspettano che saranno sempre più a portata di mano man mano che il loro uso si diffonderà.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA