Popmove, il social network per condividere auto a noleggio

Possibile 'cedere' la propria vettura quando non la si usa

Redazione ANSA

Nasce Popmove, il primo Social Mobility Network che consente di trovare un'auto quando se ne ha bisogno e condividere la propria quando non la si usa. Si tratta, nel dettaglio, di un modello di mobilità circolare da cui tutti traggono benefici sia per coloro che hanno bisogno di una vettura per poche ore o per spostamenti più lunghi, sia per i titolari di un contratto di noleggio a lungo termine Popgo, che possono mettere così a disposizione la propria auto sulla piattaforma Popmove e risparmiare sulla rata mensile, ricevendo un accredito fino all'80% dell'importo di ogni singolo viaggio effettuato da un altro 'noleggiatore'. Popmove parte da Roma per estendersi gradualmente a tutte le città italiane. Il servizio,che al termine di una fase di test è già operativo con le prime 150 auto, è semplice e intuitivo. Le vetture si mettono in condivisione e si aprono con una app proprio come un car sharing, ma con durate e percorrenze superiori: da 1 ora a 29 giorni e su tutto il territorio nazionale, purché si riconsegni il veicolo nei tempi indicati dal legittimo proprietario.

Popmove è pensato anche per creare una nuova formula di mobilità tra piccole comunità di prossimità: l'opportunità, in questo caso, è quella di abilitare la condivisione di un'auto tra gruppi di amici, vicini di casa, colleghi di lavoro. Popmove contribuisce a eliminare i vincoli della proprietà dell'auto. Secondo un Rapporto Aniasa sono infatti oltre un milione le persone che scelgono di muoversi attraverso il noleggio o lo sharing, ogni giorno, per ragioni di business e turismo: oltre 900 mila, nel dettaglio, gli utenti del noleggio a lungo termine; 130 mila quelli del noleggio a breve termine e 33.000 del car sharing. In crescita anche i privati che hanno già scelto di sposare la formula del noleggio a lungo termine: nel 2017 erano in 30 mila, divenuti 40 mila nel 2018, ed entro fine anno raggiungeranno quota 50 mila.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA