Futuro dei motori aspirati sarà garantito dai sistemi ibridi

Spinta elettrica sostituisce il turbo ed elimina i suoi difetti

Redazione ANSA

Il futuro che ci attende, parlando dei sistemi di propulsione, è sicuramente elettrificato con gli ibridi che potrebbero, e dovrebbero, salvare i motori termici aspirati. Al momento, si legge sull'autorevole Topspeed, un motore privo di turbocompressore o di sovralimentazione elettrica, è raro quanto un cambio manuale. La ragione di questo cambiamento è la ricerca dell'efficienza: il ridimensionamento verso il basso delle cilindrate può infatti essere compensato dalla presenza di un turbo che consentono di mantenere gli stessi livelli di potenza, aumentando di solito la coppia e migliorando anche l'efficienza (sulla carta) del propulsore. Ma nell'uso reale i piccoli sovralimentati tendono ad essere efficienti solo quando sono in modalità boost. La soluzione - come ha confermato Frank-Steffen Walliser, responsabile delle auto sportive Porsche - potrebbe venire dalla elettrificazione delle unità aspirate.

Un sistema ibrido può infatti essere immaginato come un turbo che non ha ritardi nell'inserimento, quindi senza il cosiddetto lag. Un motore elettrico può aggiungere coppia ogni volta che il progettista vuole rendendo possibile realizzare propulsori ibridi che sfruttano motori ad aspirazione naturale che sono altrettanto efficienti dei turbo ma in realtà forniscono potenza e prestazioni migliori perché la potenza aggiuntiva è istantanea e più lineare. ''La coppia del motore elettrico a bassi regimi e un motore aspirato ad alto regime si adattano perfettamente insieme - ha affermato Walliser - e ciò potrebbe aiutare i motori aspirato a sopravvivere''. Una esperienza che Porsche ha già fatto, e con grande successo. La 918 Spyder, la supersportiva del 2013, utilizzava un V8 aspirato inserito in una configurazione ibrida e non solo era mostruosamente veloce ma presentava il vantaggio aggiuntivo della coppia elettrica istantanea, aiutando il V6 nella parte 'bassa' della erogazione di potenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie