Volkswagen potrebbe salvare Gruppo di autonoleggio Europcar

Ne era uscita nel 2006 cedendo quota a Eurazeo, primo azionista

Redazione ANSA ROMA

Il grande Gruppo francese del noleggio auto Europcar, vittima come è già successo per Hertz della crisi del turismo e dei viaggi, potrebbe essere 'salvato' da un intervento di Volkswagen. Lo riferisce l'agenzia AFP che afferma che fra della Casa automobilistica tedesca ed Eurazeo, il principale azionista di Europcar, ci sono trattative per un accordo. L'andamento finanziario di Europcar era già critico alla fine dello scorso anno, tanto che Eurazeo aveva annunciato il 14 novembre lo studio della vendita di tutta o di parte della sua quota del 29,9% in questo Gruppo, acquisita nel 2006 proprio da Volkswagen. A quel tempo, il buyout valeva 3,32 miliardi di euro, incluso un recupero del debito di 2,06 miliardi, a fronte di una capitalizzazione di mercato di Europcar pari a circa 400 milioni. Europcar Mobility Group è stato colpito come l'intero settore del noleggio auto dalla crisi economica e dal crollo del turismo causato dal Covid-19. Il locatore ha pubblicato una perdita netta di 105 milioni di euro nel primo trimestre (peggiorando del 55% su base annua) e una perdita operativa quasi raddoppiata a 89 milioni. In mancanza di liquidità, Europcar aveva annunciato all'inizio di maggio 'un piano di economia drastiche economie' stimato in 850 milioni di euro, dopo aver finalizzato con le banche un piano di finanziamento di oltre 300 milioni di euro, di cui uno 220 milioni di prestiti garantiti al 90% dallo Stato francese. Oltre a Eurazeo nel capitale di Europcar sono presenti il fondo di investimento Ciam (12%) e Bank of America (6,6%). L'ipotesi di un'acquisizione non è ''illogica perché un terzo della flotta di Europcar proviene dal Gruppo Volkswagen - ha detto Frédéric Rozier, portfolio manager presso Mirabaud France - e il noleggio di veicoli è un pilastro della mobilità di domani''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie