Coronavirus: PSA nella task force per produrre respiratori

Richiesta del governo francese per 10mila unità in 50 giorni

Redazione ANSA ROMA

Air Liquide, Groupe PSA, Schneider Electric, Valeo accettano la sfida di produrre 10.000 respiratori Air Liquide Medical Systems in risposta alla richiesta del governo francese di studiare la possibilità di aumentare la produzione di respiratori in modo da fornire 10.000 unità in 50 giorni, tra l'inizio di aprile e metà maggio.

Le aziende hanno istituito una task force, composta da circa 30 esperti di acquisto e industrializzazione, con lo scopo di definire un piano d'azione per aumentare la produzione di respiratori Air Liquide Medical Systems, referenziati già da un gran numero di ospedali in Francia e all'estero. Per far fronte a questa sfida industriale, si cercherà anche l'eccezionale contributo di 100 aziende partner in modo da fornire i 300 componenti essenziali, necessari per la fabbricazione di questi sistemi medici.

Oltre alla sua partecipazione alla task force che ha mobilitato i suoi ingegneri a tempo pieno dal 22 marzo, Groupe PSA sta contribuendo direttamente ad aumentare il potenziale di produzione con la creazione di un laboratorio specifico nella sua fabbrica di Poissy con oltre cinquanta dipendenti volontari, al fine di essere in grado di iniziare a produrre il blocco centrale del sistema, sempre sottostando alle condizioni del protocollo sanitario rafforzato, implementato all'interno dei siti. Questi elementi verranno quindi consegnati ad Air Liquide per il montaggio e i controlli finali presso il sito industriale di Air Liquide Medical Systems ad Antony. Al fine di fornire supporto organico ad Air Liquide per rafforzare la sua produzione ad Antony, Groupe PSA permetterà ai dipendenti volontari del dipartimento di ricerca e sviluppo di Vélizy, di unirsi allo stabilimento Air Liquide ad Antony, situato a pochi chilometri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie