Coronavirus, Carglass riapre 10 centri per emergenze

Garantire servizi essenziali per chi deve usare l'auto

Redazione ANSA MILANO

Carglass ha comunicato la riapertura di dieci centri in Italia. La decisione è stata presa per garantire il servizio agli automobilisti che per essenziali necessità lavorative o personali, così come definito dal vigente DPCM, hanno urgenza di intervenire al ripristino del vetro dei propri autoveicoli. Le città coinvolte sono: Milano, Torino, Cuneo, Genova, Verona, Padova, Trento, Bologna, Firenze e Roma.

La decisione è stata presa dopo aver definito procedure operative ancora più stringenti per garantire la migliore protezione ai tecnici specializzati e ai clienti. Da oggi, i dieci centri saranno inizialmente aperti due giorni a settimana e, per garantire il rispetto massimo delle condizioni di sicurezza, non effettueranno servizio a domicilio. Nei centri si potrà eseguire solo un numero molto limitato di interventi, organizzati tassativamente su appuntamento attraverso prenotazione al numero verde 800 36 0036 del Contact Center.

Ogni intervento ai cristalli verrà eccezionalmente preceduto e seguito dall'igienizzazione dell'auto con trattamento all'ozono per tutelare il tecnico prima e l'automobilista, poi. Non verranno, invece, accettati clienti che si recheranno spontaneamente presso il centro di assistenza senza prenotazione per evitare inutili assembramenti. "A seguito dell'emergenza COVID-19 - ha dichiarato Matteo Rignano, Presidente e Amministratore Delegato di Belron Italia - e con la volontà di supportare le azioni di contenimento dei contagi, avevamo deciso di chiudere tutti i nostri centri diretti. Tuttavia, nelle ultime ore, dopo attente valutazioni e in ottica di servizio alla comunità, abbiamo deciso di tornare a garantire l'operatività del nostro servizio di riparazione e sostituzione vetri auto a quegli automobilisti che, nel rispetto delle normative legate all'emergenza in atto, hanno urgenza di intervenire sulle proprie auto. A tutti i clienti che ci stanno contattando in queste ore e i cui interventi non hanno carattere di urgenza, ad emergenza finita, sarà nostra cura dare priorità nell'esecuzione dei lavori. Stiamo vivendo un momento di estrema difficoltà ma siamo certi che, con il contributo e gli sforzi di tutti, possa presto tornare tutto alla normalità".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie