Tempo Libero

Il dizionario di Halloween, tutti i termini inglesi da conoscere

La notte 'spooky' del 31 ottobre tra ghost e candy corn

La zucca simbolo di Halloween foto pixabay © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 31 ottobre 2020
  • 00:27

Dall’Irlanda agli Stati Uniti, alla fine di ottobre moltissimi bambini (ma non solo) festeggiano Halloween tra caramelle, dolcetti, travestimenti e film spaventosi. Anche in Italia questa festa, la notte del 31 ottobre, è sempre più diffusa, per quanto quest'anno con le chiusure per il contenimento della pandemia, sarà vissuta in modo decisamente diverso. Ecco, da Cambridge Assessment English, lo storico ente certificatore del livello di lingua inglese, le parole da conoscere e qualche curiosità sulla loro origine.

Halloween
Il nome Halloween deriva dal termine scozzese Allhallow-even (o Hallow-e’en), ossia Eve of All Saints, la Vigilia di Ognissanti. Il termine comparve nella sua forma moderna nella seconda metà del 1700, ma le radici di questa festa risalgono a molti secoli prima, quando le tribù celtiche celebravano la fine dell’estate e, credendo che in questa notte di ottobre gli spiriti tornassero sulla terra, si travestivano per nascondersi e spaventarli. La celebrazione fu poi ripresa nella tradizione cristiana dedicando il 1 novembre a Tutti i Santi.

Trick-or-treat
La notte di Halloween, soprattutto nei paesi anglosassoni, i bambini di tutte le età passano di casa in casa al grido di trick-or-treat, “dolcetto o scherzetto”. L’origine di questa tradizione è antichissima e sembra risalire al Medioevo, quando, nella notte di Ognissanti, i mendicanti erano soliti bussare alle porte delle case e chiedere del cibo in cambio di una preghiera; chi si rifiutava otteneva una maledizione o l’augurio di cattiva sorte.

Candy Corn
A proposito di dolcetti, tra i più famosi legati ad Halloween ci sono le candy corn, le caramelle statunitensi a base di zucchero e miele e a forma di chicco di mais (corn, in inglese). Tipiche degli Stati Uniti e del Canada, nacquero alla fine del 1800 a Philadelphia e oggi sono un vero must, nonché uno dei simboli di questa festa, tanto che non possono mancare nei bottini di Halloween e nelle candy bag dei bambini d’oltreoceano.

Jack-O’-Lantern
Non esiste notte di Halloween senza zucche, ma soprattutto senza le famosissime Jack-O’-Lantern, le zucche intagliate (carved pumpkins). Il loro nome deriva da una leggenda irlandese secondo la quale un uomo di nome Jack, avendo ingannato il diavolo in vita, venne cacciato dall’inferno dopo la morte; da allora la sua anima vaga senza meta con in mano solo una rapa usata a mo’ di lanterna grazie a un tizzone ardente posizionato al suo interno. Il passaggio dalla rapa alla zucca avvenne con le migrazioni irlandesi negli Stati Uniti, dove la seconda era molto più comune.

Spooky
Il termine spooky, che in italiano si può tradurre con “spettrale”, “spaventoso” o “inquietante”, è l’aggettivo che meglio descrive la notte di Halloween. La parola, che deriva dall’olandese spook, dove significa “spettro” o “apparizione”, fu usata per la prima volta in inglese nel Diciannovesimo secolo e da allora non ha mai abbandonato il vocabolario inglese.

Ghost
La parola ghost (“fantasma”) affonda le sue radici nelle antiche lingue germaniche occidentali, dove il termine gaistaz, dalla quale deriva, indicava gli spiriti o, più in generale, gli esseri soprannaturali. Da lì il sostantivo si è poi diffuso in molte altre lingue europee (in olandese oggi è geest, per esempio) comparendo nella forma inglese attuale intorno al 1600.

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie