Teen

Lo stare bene come ossessione, la Generazione Z si ribella

Gli stili di vita iper-sani sono diventati una sindrome del benessere

Un giovane Gen Z @ WGSN © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 21 novembre 2022
  • 19:44

L' attenzione della pandemia sul benessere e sulla cura di sé originariamente prometteva di dare ai consumatori sollievo dalla cultura del burnout, dallo stress e dall'ansia. Tuttavia, molti della Generazione Z ((i nativi digitali, nati tra il 1997 e il 2012)) stanno denunciando come l'ossessione per gli stili di vita iper-sani stia guidando la tossicità che mirava a curare. Carl Cederström, professore associato all'Università di Stoccolma, chiama questo fenomeno "la sindrome del benessere", in cui l'ossessione per la salute, la felicità e l'ottimizzazione spesso fa sentire peggio le persone. Questo potrebbe essere, sottolinea un report di WGSN, un prodotto dell'attenzione dell'industria del benessere sull'individualizzazione, in cui trascorrere del tempo da soli e stabilire dei confini con gli altri è una parte importante del miglioramento personale.: dare la priorità alla cura di sé rispetto alle relazioni forse non è la mossa migliore per il 53% dei Gen Z statunitensi che si sono sentiti più soli durante la pandemia.
Una scena della serie cult Euphoria descrive in dettaglio la routine maniacale di cura di sé di un personaggio alle 4 del mattino, campionando le popolari tendenze del benessere che richiedono tempo e attenzione. La sindrome del benessere può anche indicare gli impatti studiati sulla salute mentale dell'eccessiva ossessione per il raggiungimento del massimo benessere. Durante la pandemia, i medici hanno segnalato picchi globali nelle diagnosi e nella gravità dei disturbi alimentari, indicando in particolare le giovani donne come un gruppo a rischio. È importante notare che la Gen Z non sta cercando di sbarazzarsi del benessere: migliorare la propria salute e benessere continua a essere la loro priorità assoluta. Tuttavia, i loro atteggiamenti mutevoli nei confronti della cultura del benessere stanno dando forma a un movimento di controcultura che cerca di richiamare i fallimenti dell'industria del benessere.
Per quanto la Generazione Z investa nella propria salute e benessere, il 46% afferma di essere stressato o ansioso per la maggior parte o per tutto il tempo. Molti marchi mostrano che aspetto ha il "benessere" , ma creatori come TikToker @whatsonvisface si concentrano sui sentimenti dietro queste immagini. Nella sua serie di video "Superare la depressione", osserva come convive con l'ansia e la depressione cronica momento per momento durante la sua giornata. I suoi resoconti sono specifici, in corso e contrastano con altre rappresentazioni della vulnerabilità online che a volte possono sembrare performanti. Questa attenzione sta emergendo anche nello spazio fitness. La neutralità del corpo è un movimento in crescita che incoraggia le persone ad accettare il proprio corpo, senza bisogno di concentrarsi sul suo aspetto.
Quando si parla di benessere, giovani e vecchie generazioni stanno adottando questo tipo di mentalità.  Le nuove piattaforme social incentrate sul benessere si stanno lanciano con contenuti privi di immagini o solo audio . Ad esempio l'app Chill Pill adotta un approccio diverso: la piattaforma consente agli utenti di pubblicare informazioni sulla propria salute mentale solo tramite registrazioni vocali e avatar in anonimato.
Il tempo extra trascorso a casa e in solitudine durante i lockdown ha acceso il desiderio di benessere e di routine di benessere. That Girl è il trend TikTok che descrive questo stile di vita - una ragazza che si sveglia alle 6 del mattino per fare yoga, che scrive qualche pagina del suo diario e poi si prepara un frullato per cominciare bene la giornata, si rifà il letto, esce ed è pronta per iniziare a lavorare. L'hashtag #thatgirl è diventato un modo per le giovani donne di documentare questa ricerca, condividendo video dei loro programmi iperproduttivi e incentrati sulla salute, ha accumulato 5 miliardi di visualizzazioni su TikTok. Si allinea anche con uno studio globale che ha rilevato che il 60% dei Millennial e della Generazione Z afferma che il cambiamento più duraturo della pandemia sarà il loro focus sulla propria salute. Ma secondo i dati del 2022, è più probabile che i giovani sperimentino una gamma più ampia di pratiche di cura di sé piuttosto che seguire una routine rigida.
Il rapporto sul benessere globale di Lululemon ha rilevato che i consumatori non solo hanno aumentato il numero di strumenti per la cura di sé nell'ultimo anno, ma si sono concentrati specificamente su pratiche meno regolamentate, come stare all'aperto (10%) o guardare un film  (+7%) . Questi cambiamenti indicano un nuovo approccio al benessere che non esiste solo in una routine semplice, ma piuttosto in uno stile di vita flessibile .  Piuttosto che predicare una routine prestabilita, i marchi dovranno incoraggiare versioni meno tradizionali di cura di sé, dove non esiste una versione di "salute perfetta". Il grande magazzino britannico Selfridges si appoggia a questa mentalità con il suo Feel Good Bar, che vende benessere al di fuori di una routine di cura della pelle delle 8:00, con particolare attenzione alle riparazioni del sonno, del sesso e dei postumi di una sbornia. “Il benessere è diventato davvero performativo e può diventare più stressante, in un certo senso", ha detto Sabrina Sadeghian, la 24enne co-fondatrice di 4AM Skin. Rispetto all'estetica curata di "That Girl", le immagini volutamente brutte abbracciano il caos e l'umorismo per rappresentare una versione memeificata della salute della Gen Z.

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie