Moda

Libera e sexy, la moda per l'estate 2022 /SPECIALE SFILATE MILANO

Mini e cut out, pizzo e costumi, colori per farsi vedere

Milano Moda Donna, Versace © ANSA
  • di Gioia Giudici
  • MILANO
  • 27 settembre 2021
  • 19:29

Sarà la prima estate libera dal covid - o almeno ce lo auguriamo tutti - e sarà un'estate molto sexy, almeno a vedere le collezioni presentate in questi giorni a Milano per il 2022 nella prima settimana di sfilate quasi tutte in presenza, dopo la lunga pausa dovuta alle restrizioni legate al Covid.
    Non c'è marchio che non abbia proposto gonne mini ma mini davvero, abiti corti e cortissimi, vestiti cut out con pelle a vista, sandali con tacchi altissimi e colori a profusione. Il perché, forse, lo spiega Armani, uno che le sue donne non le sveste, ma al massimo le vela di nuvole di tulle leggero e dolcissimo: "Oggi si ha voglia di dolcezza, di essere innamorati e che qualcuno si innamori di noi" ha detto ieri parlando della sua sfilata e dando la chiave di lettura che ancora mancava a questa settimana. C'è voglia - sembrano dire le collezioni pensate per il prossimo anno - di ritrovarsi, di festeggiare, e sì, persino di innamorarsi, dopo essere stati chiusi in casa così a lungo. Si parla chiaramente di seduzione persino su una passerella intellettuale come quella di Prada, dove strascichi, corsetti e abiti da sera sono ricordi su cui si costruisce una nuova femminilità. C'è una dichiarata svolta sexy da Missoni, con il costume da bagno che diventa il nuovo protagonista, così come lo è da Dolce e Gabbana, che lo abbinano al completo intimo di pizzo nero. E sono gambe e persino reggiseni e mutande a vista quelli che sbucano dagli abiti cut out, dalle T-shirt, dai profondi scolli sulla schiena visti un po' dappertutto. E poi gli spacchi, che dilagano dal nuovo Roberto Cavalli firmato da Fausto Puglisi a quelli chiusi dalle spille da balia sulla passerella di Versace. Tutto in versione 'roar', in un trionfo di stampe animalier e colori accesi come evidenziatori.
Il fluo da Versace, il rosso da Prada e persino da Armani, gli acidi da Msgm, una tavolozza di toni che parla di ritorno alla vita, alla normalità, alla gioia di farsi vedere.
    Il tutto, ovviamente, senza dimenticare ciò che è stato: "sono fortemente in disaccordo con l'idea di un ritorno alla 'normalità' - dice Miuccia Prada - dobbiamo trarre una lezione da questo momento storico. Abbiamo imparato che noi, nella moda, ci confrontiamo con un mondo molto più ampio". Così lei e Raf Simons hanno presentato la loro collezione con due sfilate in contemporanea, a Milano e Shanghai, unendo le due location virtualmente con dei video a lato passerella. Anche Francesco Risso, da Marni, abbatte le barriere, vestendo allo stesso modo ospiti e modelli, in un corto circuito tra chi guarda e chi è guardato con cui si celebra la gioia di ritrovarsi dopo la pandemia.
    Sempre con un occhio alle vendite: "Nei mesi passati abbiamo sofferto tanto con le chiusure a causa della pandemia, - dice Renzo Rosso, presidente del Gruppo Otb, che ha sfilato a Milano con i marchi JilL Sander, MM6 e Marni - oggi le persone hanno voglia di cambiare, di divertirsi, di uscire e di vestirsi per cui vedo certamente uno spin positivo che ci permetterà di tornare ai livelli pre pandemia e magari di superarli".
   

  • di Gioia Giudici
  • MILANO
  • 27 settembre 2021
  • 19:29

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie