Design & Giardino

Come evitare che la casa diventi esteticamente un ufficio? E' la sfida del nuovo design

Scrivanie ridimensionate, spazi per nascondere stampanti. Su eBay + 49% acquisti per allestire le postazioni

uno spazio in salotto per una postazione da lavoro luminosa foto iStock. © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 21 febbraio 2021
  • 20:19

Le nuove modalità di lavoro, sperimentate ormai da un anno con il prepotente ingresso dello smart working per l'emergenza sanitaria della pandemia, ci hanno cambiati, sia in termini di abitudini relazionali, stile di vita e  ci hanno fatto rivedere gli spazi abitativi: se prima la casa era il rifugio dove rilassarsi da soli o con la propria famiglia al rientro dall’ufficio, il lockdown ha dato alle nostre case una nuova responsabilità: quella di accogliere il lavoro nell’ambiente dedicato alla nostra vita privata, adattandosi alle nuove esigenze perché risponda a più funzioni.
«Questo particolare periodo ha portato grandi variazioni per quanto riguarda la richiesta di un nuovo design, arrivando a progettare oggetti che abbiano una comodità ed una ergonomicità ma che contemporaneamente si caratterizzino per un’estetica domestica e accogliente. Ridisegniamo dunque oggetti, accettabili e caldi da vivere all’ interno delle mura domestiche, prevedendo ad esempio lo spazio per accessori come la stampante, ma facendo in modo che la casa non diventi in termini estetici un ufficio. No alle lampade da ufficio, perché caratterizzate da una luce fredda, sì ad una scrivania ridimensionata rispetto alle misure standard, ben illuminata, magari di lato, con una lampada d’appoggio. Cambia quindi il linguaggio estetico di questi oggetti, perché devono entrare in punta di piedi all’interno di una casa» dichiarano Ludovica + Roberto Palomba, architetti e designer, fondatori di Studio Palomba Serafini Associati.
Abbiamo tutti imparato nell’ultimo anno a socializzare in modi diversi da quelli a cui eravamo abituati, come chat, video call, riunioni aziendali: le nostre abitazioni dunque sono diventate e diventeranno sempre di più teatri digitali, pronti ad accogliere le nostre esigenze sociali, lavorative, affettive, di interessi, di hobby. Tutto è incentrato sull’abitare, che diviene estensione dell’essere umano.
Come si sono organizzati allora gli italiani per lavorare da casa? Cercando di ricreare spazi “working friendly”, con tutto quello che può servire. Nel 2020, su eBay sono aumentati del 49% gli acquisti di prodotti per allestire in casa una postazione di lavoro: dalle tastiere e mouse, il cui acquisto nel 2020 è aumentato del 176% rispetto all’anno precedente, alle scrivanie e mobili porta PC, che hanno segnato un +85%, fino alle docking station per i laptop (+59%), toner, cartucce e carta (+51,5%), mouse, trackball e touchpad (+36,6%), stampanti e plotter (+32,8%), monitor (+31,8%) e tastiere e keypad (+25,5%). Acquisti a cui si sono dedicati per la maggior parte uomini e donne dai 45 ai 64 anni, che hanno comprato in totale 172.618 prodotti, e dai 25 ai 44 anni (121.115 prodotti), le fasce d’età più interessate dallo smart working. Proprio i primi mesi del lockdown sono stati quelli che hanno registrato il maggior aumento di vendite di questo tipo di prodotti: oltre 105.000 quelli venduti a marzo 2020 e oltre 102.000 ad aprile 2020.
Proprio per la necessità di rivedere gli ambienti di casa per fare spazio alle postazioni di lavoro, è cresciuto il bisogno di riordinarli e renderli più efficienti, sistemarli: +32% i prodotti per l’organizzazione della casa acquistati su eBay rispetto al 2019. Tra i prodotti scelti: ceste salvaspazio, il cui acquisto su eBay nel 2020 è aumentato del +39,8% rispetto al 2019, stand appendiabiti (+35,4%), scarpiere (+34,4%), contenitori e scatole (+27,7%), soluzioni per guardaroba (+25,6%).

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie