Beauty & Fitness

Peli superflui, epilazione elettrica e a luce pulsata, pro e contro

Metodi a confronto, precauzioni e consigli per non sbagliare

Peli superflui: a casa si tolgono con dispositivi di epilazione elettrica, come il classico Silk Epil ora arrivato alla nona generazione foto iStock. © Ansa
  • di Alessandra Magliaro
  • 16 luglio 2019
  • 09:50

Peli superflui, come li togliamo? Ecco una panoramica di metodi, precauzioni e consigli per non sbagliare soprattutto in tema di epilazione elettrica o a luce pulsata

1. Depilazione/epilazione in vista della stagione del costume. Metodi diversi quando usarli? Attualmente ci sono diversi metodi per la depilazione domiciliare e non, tra cui troviamo:
- Rasoio/ crema depilatoria/ la classica 'ceretta'
- Dispositivi di epilazione elettrica
- IPL domiciliare (luce pulsata)
- Laser medicale

La scelta tra un metodo e un altro, oltre che da fattori individuali come la preferenza personale, il tempo e la disponibilità economica, dal punto di vista medico - dice in un'intervista all'ANSA Nicolle Tascon, Medico Chirurgo specialista in Medicina Estetica che collabora con Braun - dipende da vari fattori cutanei che vanno presi in considerazione, come il colore della cute e del pelo, la presenza di follicolite o peli incarniti, la presenza di fragilità capillare o di malattie infiammatorie della pelle, come le dermatiti o la psoriasi.

Sull’utilizzo di rasoio o la crema depilatoria non troviamo particolari controindicazioni, se non l’allergia a eventuali componenti della crema.

I dispositivi di epilazione elettrica vanno bene nella maggior parte dei casi. Sono invece sconsigliati nel caso in cui la cute sia particolarmente sensibile oppure in presenza di follicolite (caratterizzata dall’infiammazione ed infezione dei follicoli piliferi) o di fragilità capillare. Questo perché tutti i metodi a strappo possono aumentare queste patologie.
Per quanto riguarda invece la tecnologia IPL domiciliare, si tratta di un dispositivo che va a diminuire in maniera consistente i peli superflui. Questo perché agisce direttamente sul bulbo pilifero, colpendolo nella sua fase più vitale, la fase anagen. I vantaggi di questa tipologia di epilazione sono la velocità, la semplicità e la sicurezza nell’utilizzo di questi dispositivi, a cui va naturalmente aggiunta la praticità di poterli usare a casa.
Ci sono però due condizioni essenziali perché questo tipo di epilazione porti a un risultato soddisfacente: il colore della carnagione che non deve essere troppo scuro (quindi fototipi V o VI) e il pelo che non deve essere biondo, rosso e tanto meno bianco. In presenza di queste caratteristiche, la luce pulsata è sconsigliata in quanto non efficace.
Inoltre, consiglio di evitare il passaggio del dispositivo sui nei o tatuaggi con colorazione nera/marrone, in quanto il bersaglio di questi dispositivi è l’eumelanina (pigmento nero/marrone) e quindi potrebbe creare lesioni sulla cute.

Per concludere, per le persone che presentano una cute sana queste sono le tipologie di epilazione domiciliare. Nel caso in cui così non fosse, quindi in presenza di follicolite, malattie cutanee infiammatorie, presenza di molteplici nei sul corpo, tatuaggi con colorazione nera/marrone, ipertricosi/irsutismo (presenza di aumento quantità della peluria/ peluria in zone non convenzionali nella donna) è consigliato effettuare una visita medica per valutare il metodo migliore.

2. L’epilazione è diventata domestica: 3 motivi per ‘convertirsi’ al metodo e 3 attenzioni per quando non farne uso

Quando parliamo di epilazione domestica, intendiamo sia l’epilazione con il classico dispositivo elettrico sia ormai anche l’epilatore a luce pulsata.
L’epilatore elettrico è un device che nasce per essere usato in casa. Ѐ piccolo e compatto, di semplice utilizzo e ormai con un pubblico di consumatrici consolidato, ma dobbiamo ricordare che ci sono dei casi in cui non è consigliabile utilizzarlo perché potrebbe provocare infiammazioni e fastidiosi arrossamenti o aggravare alcune patologie.

L’epilazione a luce pulsata ha come principale vantaggio quello di poterlo usare quando si vuole e quando si ha tempo, comodamente a casa propria. Inoltre, scegliere questo metodo piuttosto che un altro, permette di godere dell’assenza di ricrescita dei peli per un periodo prolungato, in quanto la luce pulsata fa diminuire di circa l’80% la presenza di peli superflui e può essere usata su tutto il corpo, fatta eccezione per le zone con presenza di nei e di tatuaggi, come spiegavo prima.
Infine, il terzo motivo che mi porta a consigliare - prosegue la dottoressa Nicolle Tascon - questo tipo di epilazione è la sicurezza di utilizzo di questi device, che ormai sono leggeri e maneggevoli e così tecnologicamente avanzati da poter essere usati da tutti con tranquillità e solo poche semplici attenzioni.

Le tre situazioni in cui sconsiglio di ricorrere a un device a luce pulsata domiciliare sono:
• quando la carnagione è molto scura (fototipo V o VI)
• quando i peli sono biondi, rossi o bianchi
• presenza di condizioni come l’ipertricosi o l’irsutismo

Vai al Canale: ANSA2030