'Dal vestito al ballo,in Iran non c'è nessuna libertà'

La testimonianza di Hasti,fermata più volte è fuggita a Istanbul

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 03 OTT (di Valentina Roncati) 

"Ho dovuto lasciare l'Iran in fretta perché non avevo sicurezza, mi controllavano il telefono, WhatsApp, il profilo Instagram, mi hanno minacciato, arrestato e percosso. Non c'è libertà per nessuno, ogni voce contraria incontra l'arresto o la morte; ballare, cantare e vestirsi come si vuole sono cose proibite e considerate contro il sistema". A parlare all'ANSA è Hasti Diyè, 39 anni, ballerina e, oggi, insegnante di francese a Istanbul dove è fuggita.
"Hanno arrestato molti ballerini negli ultimi anni - racconta la giovane donna - la libertà di scegliere l'abbigliamento non esiste né per le donne né per gli uomini, soprattutto con l'arrivo del presidente Raisi queste repressioni sono aumentate molto e la polizia della moralità arresta, picchia e talvolta uccide le persone, soprattutto le donne. Hanno creato un crimine chiamato "essere contro il regime", quindi se ti considerano "contro" ti arrestano con una violenza che può persino ucciderti e nessun tribunale che giudichi il tuo operato. Le famiglie degli oppositori uccisi non possono vedere i corpi dei loro cari nè possono seppellirli". Hasti è stata fermata in diverse occasioni, spesso perchè accusata di non indossare abbigliamento consono o di non portare correttamente il velo "ogni volta mi hanno colpito, schiaffeggiato e preso a calci. Ma tutto questo non mi ha fatto piangere - spiega - mentre ho pianto quando hanno iniziato ad umiliarmi, a insultarmi e a farmi domande insolenti". La giovane attivista racconta che in Iran ci sono molte persone che sostengono la Repubblica islamica "perché hanno paura di un Iran non islamico o perché dipendono economicamente dal sistema ma, soprattutto negli ultimi anni, la maggioranza della società è contraria al regime che arresta e condanna giornalisti, attivisti per i diritti delle donne, degli omosessuali o è chi è contrario al velo obbligatorio".
In seguito all'uccisione di Mahsa Amini da parte delle pattuglie della cosiddetta polizia morale "la gente è scesa in piazza, arrabbiata e stanca, gradualmente queste proteste si sono diffuse nel Paese anche perchè siamo stanchi di quarantaquattro anni di repressione, non abbiamo libertà di vestirci e di parlare, siamo attanagliati da gravi problemi economici. Vogliamo liberarci da questo regime di carnefici, siamo nati liberi e vogliamo morire liberi", scandisce l'attivista in un post lanciato su Instagram.
"Ma stiamo combattendo a mani nude e loro sono armati e non hanno paura di uccidere. Abbiamo bisogno che le nostre voci siano ascoltate dalla comunità internazionale. Abbiamo bisogno del vostro aiuto reale, non di pesanti sanzioni contro l'Iran come è stato fatto in tutti questi anni, sanzioni che hanno reso la popolazione iraniana sempre più povera. Speriamo di liberarci di questo regime, ma con l'aiuto dell'intera comunità internazionale", conclude Hasti.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA