Manovra: Assoambiente, le misure 'green' sono insufficienti

"Servono ammortamenti più alti per gli investimenti verdi"

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 16 OTT - "Le misure ad oggi ipotizzate nella Legge di Bilancio non sono in alcun modo sufficienti a generare una spinta decisa verso quel 'Green New Deal' nelle intenzioni del Governo; sono solo una sommatoria di piccole misure completamente marginali. Anche l'uso della leva fiscale appare più indirizzato alla ricerca di nuove entrate che a criteri di effettiva efficacia. Nessuna misura è, inoltre, prevista per l'obiettivo di un netto miglioramento degli indici di performance dell'economia circolare, che rappresentano invece uno dei punti qualificanti degli indirizzi europei".

E' questo il commento di Fise Assoambiente, l'Associazione che rappresenta le imprese che operano nel settore dell'igiene urbana e riciclo, alle prime indicazioni fornite dal Governo sulle misure previste nella prossima Legge di Bilancio.

Per incentivare e sostenere gli investimenti in impianti per l'economia circolare Fise propone invece l'iperammortamento (aliquota per investimenti in beni materiali strumentali nuovi funzionali alla trasformazione green dell'economia circolare da 140% a 250%), superammortamento (proroga con aliquota al 140%/250% per i beni strumentali nuovi), credito d'imposta alla ricerca, con un credito massimo per contribuente fino a 20 milioni per ricerca sul settore dell'economia circolare, detrazioni fiscali fino al 30% per investimenti fino a 1 milioni euro nel settore dell'economia circolare.

Secondo Fise, per coprire tali minori entrate fiscali basterebbe l'ammontare derivante dalla tassa sul conferimento in discarica e dall'addizionale (350 milioni di euro) e dal tributo provinciale per la gestione dei rifiuti (450 milioni di euro).

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA