Svizzera si 'collega' a sistema Ue scambio quote CO2

Dal primo gennaio 2020 sarà il primo Paese terzo a farlo

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 10 DIC - Dal primo gennaio 2020 la Svizzera sarà il primo Paese terzo a collegare con successo il suo sistema di scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra con quello dell'Ue (Ets). Lo comunica il Consiglio Ue in una nota. Si chiude così un processo andato avanti quasi dieci anni, da quando, il 17 dicembre 2010, i Paesi dell'Unione hanno autorizzato la Commissione europea ad avviare i negoziati sull'accordo in questione con la Confederazione svizzera. Le procedure formali per il collegamento sono ora concluse e l'accordo potrà entrare in vigore il primo gennaio 2020.

L'Ets è uno dei principali strumenti per una riduzione efficiente in termini di costi delle emissioni di gas a effetto serra, in particolare quelle delle industrie ad alta intensità energetica e delle centrali elettriche. Si tratta di una delle basi su cui si fonda la politica Ue per contrastare i cambiamenti climatici. È il primo mercato mondiale della CO2 e continua a essere il più esteso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA