Londra, ambientalisti cacciati dai passeggeri nella metro

Nuova incursione del movimento Extinction Rebellion malgrado il divieto, arresti

Redazione ANSA LONDRA

   Tensioni fra ambientalisti e passeggeri stamane a Londra in varie stazioni della metropolitana, prese di mira da alcuni militanti - malgrado il divieto di nuove proteste imposto dalla polizia britannica - nell'ambito delle manifestazioni internazionali di denuncia dei cambiamenti climatici promosse in varie città del mondo in queste settimane dal movimento radicale Extinction Rebellion.

    Incursioni ci sono state in particolare nelle stazioni di Stratford, Canning Town e Shadwell, in piena ora di punta, fra tentativi di blocco dei treni e ritardi. Ma gli utenti hanno reagito, come mostrano alcuni video, contestando l'iniziativa e in almeno un caso tirando giù fisicamente un attivista dal tetto di un vagone fra spintoni e insulti. Alla fine la polizia ha arrestato almeno altri 5 militanti, portando il totale a circa 1700 in 10 giorni.

    Il sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, che pure nei giorni scorsi aveva preso le distanze da Scotland Yard sul divieto di manifestare, ha condannato come "illegali" e inaccettabili i tentativi d'intralcio alla metro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA