Campania
  1. ANSA.it
  2. Campania
  3. Paolo Ruffini si racconta al Giffoni Film Festival

Paolo Ruffini si racconta al Giffoni Film Festival

La presentazione in anteprima del film Ragazzaccio

(ANSA) - GIFFONI VALLE PIANA, 24 LUG - Parla di amore, dei social, del disagio giovanile, dell'importanza della riscoperta dei sentimenti: un Paolo Ruffini senza filtri che si racconta tramite i suoi ultimi lavori in bilico tra commedie e film drammatici.
    Questo pomeriggio è stato presentato in anteprima al Giffoni Film festival Ragazzaccio, il nuovo film di Ruffini. Una produzione Vera Film, in collaborazione con Minerva Pictures, oltre che con lo stesso Ruffini insieme a Nicola Nocella, Simone Valenza, Santo Versace e Gianluca Curti. A presentare il film ai juror: Massimo Ghini, Sabrina Impacciatore, Alessandro Bisegna, Jenny De Nucci, insieme allo stesso Ruffini.
    "Questo film - racconta Ruffini - non è una commedia, ma è un film drammatico. E' un romanzo di formazione di un ragazzo che vive in una famiglia con genitori distratti, di provincia.
    Questo sedicenne è sfigato perché si innamora nel momento meno opportuno per innamorarsi, ovvero durante il lockdown, quando i telegiornali dicono che potrebbe prendere una malattia che a lui non fa nulla ma potrebbe attaccarla ai suoi genitori o i suoi nonni e potrebbero morire. Cosa potrebbe fare questo ragazzo in questo momento storico? Il film è la risposta a questa domanda.
    Non pensavo che il mio film fosse una delle poche pellicole che parlasse di Covid, visto che in Italia c'era una proliferazione straordinaria di film. Questa cosa mi ha stupito molto. Mi fa piacere pensare che attraverso gli occhi di Mattia si possa dire qualcosa di interessante perché sono gli occhi di un ragazzo romantico e giovane. Lui alla fine dice: "La cosa più contagiosa al mondo non è un virus ma l'amore"".
    Mattia è un adolescente, insofferente alle regole. È uno di quelli che vengono regolarmente sbattuti fuori dalla classe. È arrabbiato con i suoi genitori e forse col mondo intero. E' quello che comunemente si direbbe un "bullo". Frequenta il liceo classico e nella sua mente l'incubo della bocciatura è più pesante dell'incubo del Covid-19. Nel silenzio ansiogeno della quarantena, Mattia trascorre le giornate chiuso nella sua stanza, tra una video lezione e uno scherzo di pessimo gusto con i suoi compagni in Dad. In questa situazione, però, scopre l'amore. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie