Campania

Droga dal Sud America, 18 arresti nel Salernitano

L'indagine della Gdf dopo un sequestro di sigarette

(ANSA) - SALERNO, 28 SET - La droga veniva dal Sud America per essere poi smistata in diverse località da un gruppo di persone dove ognuno aveva un ruolo specifico. C'era chi si preoccupava di avere i rapporti con i fornitori, chi invece aveva la gestione operativa attraverso il raccordo dei vari sodali; faccendieri in grado di pianificare le modalità per consentire l'uscita della droga dagli spazi doganali.
    All'alba di oggi però 18 persone sono state arrestate nel Salernitano dai militari della Guarda di Finanza. In nove sono finite in carcere, altri nove ai domiciliari.
    Le indagini sono scaturite dal sequestro di tabacchi lavorati esteri eseguito nel porto di Salerno a marzo 2018 dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. I successivi accertamenti hanno, quindi, permesso di risalire ad un'organizzazione strutturata ed operante tra le province di Napoli e Salerno. Grazie alle intercettazioni telefoniche e telematiche, le Fiamme Gialle hanno individuato un sistema di approvvigionamento di droga, che prevedeva trattative serrate con fornitori di nazionalità estera per trasferire cocaina dai Paesi del Sud America.
    I dettagli dell'operazione sono stati illustrati dal comandante provinciale della Guardia di Finanza, Danilo Petrucelli e dal procuratore aggiunto Luigi Alberto Cannavale, nel corso di una conferenza stampa.
    La droga, quasi sempre viaggiava in container, con carichi di copertura. Nel corso delle indagini il Gico del Nucleo di Polizia economico finanziaria di Salerno è riuscito a sottoporre a sequestro nel porto 18 chili provenienti via mare dal sud America e che erano stati nascosti nella ventola del vano motore in un container frigo. Gli investigatori, inoltre, hanno ricostruito diversi tentativi di recupero/importazione di sostanze stupefacenti per i quali risultano indagate 37 persone, alcune delle quali residenti anche fuori dall'Italia. Nello specifico l'organizzazione: è stata contattata per il recupero di un carico di 32 chili di cocaina, occultati all'interno di un container frigo proveniente dalla Colombia e destinato al porto di Vado Ligure. A causa di disguidi organizzativi, il container è stato reimbarcato verso un'altra destinazione. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie