Neonato morto,forse gettato dalla madre nella scarpata

Nel Beneventano, secondo i Carabinieri lo avrebbe anche colpito a bastonate

Un neonato di 4 mesi è stato trovato morto in un fossato lungo al statale Telesina, all'altezza di Solopaca, nel Beneventano. Secondo i carabinieri, una donna di 34 anni - probabilmente la madre - dopo aver urtato con l'auto il guardrail si sarebbe fermata e avrebbe lanciato il neonato nella scarpata. Poi sarebbe scesa nel dirupo e lo avrebbe colpito a bastonate. L'allontanamento della donna, insieme con il piccolo, era stato denunciato qualche ora prima dal convivente nell'Avellinese. La donna è piantonata in ospedale.

 Gli investigatori stanno cercando di appurare i motivi che avrebbero spinto la donna, una trentaquattrenne originaria di Campolattaro (Benevento), a uccidere il proprio neonato sulla statale Telesina. La donna, che convive con un uomo della provincia di Avellino - secondo la ricostruzione dei Carabinieri - ieri notte si è allontanata a bordo della sua Opel Corsa con a bordo il figlioletto. Mentre percorreva la statale Telesina 372, tra gli svincoli di Solopaca e Telese Terme, ha urtato con la sua auto il guardrail. Dopo sarebbe scesa e, a quanto pare, sotto gli occhi di altri automobilisti, avrebbe gettato in una scarpata profonda alcuni metri, il suo bimbo di quattro mesi. Poi, lo avrebbe raggiunto e colpito con un pezzo di legno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Solopaca che hanno fermato la donna ed hanno provveduto al suo ricovero in ospedale a Benevento dove è piantonata. La Procura di Benevento, retta dal procuratore Aldo Policastro, ha aperto un'inchiesta.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Universiade 2019
     (ANSA)

    Basile, opere ultimate entro 31/12

    Commissario in commissione:non spesi 10 mln,restituiti a Regione


     (ANSA)

    Ecco il film documentario su Napoli 2019

    Mercoledì 2 ottobre proiezione in anteprima per la stampa


     (ANSA)

    De Luca, destineremo arredi per milioni

    Dopo kit alla Protezione Civile, altro materiale da riutilizzare