Essere o non essere? È Shakespeare-mania

Da Pagni a Rigillo, è ancora lui la star della prossima stagione

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Nei cartelloni teatrali italiani della stagione 2019-2020 è Shakespeare-mania: si comincia subito con una grande sfida a distanza, giocata su La tempesta. ''E' un addio, l'addio di Shakespeare al teatro e a un certo tipo di teatro'', dice Luca De Fusco, che ne firma una versione con Eros Pagni e Gaia Aprea, in prima nazionale dal 23 ottobre al Mercadante di Napoli, che diventa ''un atto di addio al Novecento che deve subire l'arrivo del nuovo millennio". A La pergola di Firenze a dicembre è invece Roberto Andò a trasformare un gigante come Renato Carpentieri nel suo Prospero, incrociando temi come ''lo sguardo occidentale a confronto con quello dell'altro, l'incantesimo della mente e il potere come complotto e usurpazione, il mistero della giovinezza e l'incombere della fine''.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Universiade 2019
       (ANSA)

      De Luca, destineremo arredi per milioni

      Dopo kit alla Protezione Civile, altro materiale da riutilizzare


       (ANSA)

      Arredi donati alla protezione civile

      100 kit dismessi dai locali della Mostra d'Oltremare


       (ANSA)

      Basile, un risultato di qualità

      Ancelotti? Se mi avesse chiamato lo avrei rassicurato prima


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere