A Cubasina, tra resti monastero S.Elia

Pochi visitatori, alla ricerca di silenzio e contemplazione

Redazione ANSA GALATRO (REGGIO CALABRIA)

(ANSA) - GALATRO (REGGIO CALABRIA), 27 LUG - Cubasina ai più non dirà nulla. É una località sui monti tra Giffone e Galatro, nella Piana di Gioia Tauro. Un posto quasi isolato, difficile da raggiungere, dove sorgono i resti di un monastero intitolato a Sant'Elia e realizzato da monaci greco-bizantini fuggiti dalla distruzione di Taureana nell'XI secolo dopo Cristo. Una leggenda narra che fuggirono portandosi i resti di S.Elia lo Speleota. Nei mesi estivi è possibile ogni tanto incontrare visitatori che ancora conservano il valore della memoria e della storia.
    Gente alla ricerca del silenzio e della contemplazione. Se ne stanno quasi oranti dopo ore di cammino immaginando i fasti antichi e la santità del luogo, ormai abbandonato. É la Calabria delle bellezze nascoste o dimenticate, delle pietre oranti, che ancora costituiscono, come piccoli scrigni, luoghi della bellezza. Qui nel silenzio più assoluto c'è chi giura di sentire tra le vecchie e possenti mura i canti greci degli antichi monaci, in particolare in prossimità del crepuscolo.
    Ricchezze e storia, fede e cultura nei monti della Calabria dimenticata che continua errante una ricerca di sé. Nel convento di Cubasina visse per un periodo di tempo anche il monaco Baarlam di Seminara (1290-1348), maestro di latino e greco di Petrarca, matematico, filosofo, vescovo di Gerace, teologo e studioso della musica bizantina. Scrisse, anche, di aritmetica, musica e acustica. Fu uno dei più convinti fautori della riunificazione fra le Chiese d'Oriente e Occidente. La sua figura emerge nel bisogno della ricerca di Dio anche in questi mondi, distrutti dall'incuria dell'uomo moderno e dal consumismo nel quale si è ormai adagiato. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in