Tennis: Atp Indian Wells; ace 'da sotto', Murray si difende

Ex n.1, 'Alcaraz stava indietro, volevo portarlo avanti'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 12 OTT - "Alcaraz ha risposto sempre da molto lontano contro la prima e dopo il primo set si è messo ancora più dietro. Così era sempre più difficile ottenere punti diretti con il servizio, viste anche le condizioni di gioco. Allora mi son detto: perché non provare e vedere se magari riesco a farlo venire un po' più avanti?". Così Andy Murray si è difeso dopo i fischi e le polemiche per l'ace 'da sotto' ai danni della promessa Carlo Alcaraz sul cemento californiano di Indian Wells.
    Il 34enne, ex n.1 al mondo (oggi n.121 nel ranking), non aveva mai servito in questo modo nel circuito Atp e ha colto alla sprovvista il 18enne spagnolo (n.38 Atp), battuto poi per 5-7, 6-3, 6-2.
    "Se si guarda dove" Alcaraz "si trovava all'inizio della partita per restituire il servizio si nota che ha cambiato la posizione alla fine del primo set. Ha iniziato a stare più indietro, quindi è stato ancora più difficile ottenere punti al servizio", ha spiegato il britannico. La posizione vicina alla linea di fondo del giovane spagnolo è stata quindi un invito a Murray - che ora al terzo turno dovrà affrontare il n.4 al mondo Alexander Zverev - per mettere a segno un ace con il contestato servizio da sotto.
    Il più celebre della storia è stato quello che nel 1989 consentì al 17enne Michael Chang di innervosire l'allora n.1 al mondo Ivan Lendl, avviandosi così verso la rimonta negli ottavi del Rolland Garros. Negli ultimi anni è stato l'australiano Nick Kyrgios a salire alla ribalta per il suo servizio da sotto.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA